Una splendida rassegna con una finalità sociale e benefica. Il Lions Club Alto Canavese, con il patrocinio del Comune di Castellamonte, ha inaugurato sabato 14 settembre la Mostra «creATTIVI».

Mostra CreATTIVI

Il taglio del nastro è avvenuto nella suggestiva cornice delle stanze ottocentesche di Palazzo Botton (Museo della Ceramica) alla presenza, tra gli altri, del sindaco, Pasquale Mazza, dell’assessore, Patrizia Addis, del consigliere delegato alla cultura del paese, Claudio Bethaz, del primo cittadino cuorgnatese, Giuseppe Pezzetto, di Nicoletta Bellin del Ciss 38, di Gianfranco Schialvino e Giuseppe Bertero, curatore della Mostra della Ceramica castellamontese. In esposizione una 40ina di opere, nate, su input del presidente del Lions alto Canavese, Elio Torrieri, dall’ispirata fantasia dei soci del Club.

Service solidale

L’iniziativa della mostra CreATTIVI è poi legata a doppio filo ad un importante service benefico del solidali zio. Il ricavato dalla vendita delle opere esposte alla Mostra sarà infatti interamente destinato ad aiutare in modo concreto dei nuclei familiari in difficoltà che vivono nel nostro territorio e che sono stati individuati grazie alla collaborazione con il Ciss 38 e dalla «San Vincenzo de’ Paoli». Le opere infatti sono in vendita per raccogliere fondi da destinare ad alcune famiglie bisognose di Castellamonte consegnando direttamente legna per riscaldamento e materiale scolastico per i figli.

Leggi anche:  Gli accordi rivelati prosegue domenica 17 novembre al Teatro Giacosa di Ivrea.

Conoscere per conoscersi

Un progetto in divenire dedicato alla solidarietà, da sempre fiore all’occhiello del Lions, ma anche alla creatività, interpretata con inventiva nelle fotografie e diverse forme tecniche e artistiche scelte dai soci per le opere. La mostra, visitabile fino al 29 settembre (giov-ven-sab ore 16.00 /19.00), è quindi il risultato di un’iniziativa originale e sorprendente, fortemente voluta da Elio Torrieri, che con impegno e dedizione porta avanti il programma lionistico, in qualità di Presidente del Club Alto Canavese, valorizzando la figura del «Socio» come persona, nell’esprimere il suo libero essere.