Ultimi preparativi per l’attesa quinta edizione del De Bello Canepiciano. In occasione della festa medievale di Volpiano Poste Italiane ha realizzato un annullo filatelico speciale.

De Bello Canepiciano a Volpiano

In occasione della quinta edizione della festa medievale di Volpiano, Poste Italiane ha realizzato un annullo filatelico speciale. L’evento sarà quindi un momento importante per gli appassionati di Filatelia e Marcofilia. Il nuovo timbro postale riportante la data della quinta edizione del De Bello Canepiciano sarà infatti associato all’immagine di una moneta emessa durante il governo di Giovanni II Paleologo, Marchese del Monferrato.

Annullo filatelico

Sarà possibile acquistare le cartoline in loco al costo di € 2,5 compreso il francobollo da € 0,45. Le cartoline per il De Bello Canepiciano sono state stampate con due immagini: quella dell’edizione 2010 e quella dell’edizione 2018.  Per ogni immagine esiste una numerazione da 1 a 1000. Negli anni futuri oltre a quella dell’edizione in corso si stamperà una cartolina di edizioni passate creando una vera e propria collezione. E’ possibile acquistare le sole cartoline al costo di € 2,00. Il timbro, promosso dalla Associazione Culturale Tavola di Smeraldo, sarà richiedibile domenica 16 settembre, dalle ore 11 alle 17, in Piazza Vittorio Emanuele II, 12 a Volpiano.

Leggi anche:  Tutto pronto per il terzo Festival bandistico nazionale Michele Romana

Festa medievale

Il De Bello Canepiciano nasce infatti come progetto culturale nel 2008 e si sviluppa dapprima come una sfilata storica dal centro del paese verso l’area dell’antico Castello. Qui sono stati letti per la prima volta in quella occasione stralci del testamento di Giovanni II Paleologo, Marchese del Monferrato, scritto nel 1372. La manifestazione, in programma il 15 e 16 settembre, oggi vanta pertanto un centinaio di figuranti in costume medievale e un programma che prevede assalti notturni al castello, taverne, disfida dei menestrelli, tornei di scherma, falconeria, giocoleria, mostre e conferenze nel centro storico trasformato in un borgo del Trecento.