Diamantinus e il manoscritto ritrovato. Questa sera, sabato 7 aprile, alle 21 nel salone comunale di via Alpini d’Italia a Samone la Pro Loco propone lo spettacolo teatrale “Diamantinus e il manoscritto ritrovato”, frutto della collaborazione tra il musicista Paolo Lova e l’attore e regista Davide Mindo.

Diamantinus e il manoscritto ritrovato

Dopo il successo della sacra rappresentazione della Passione di Cristo ad Ivrea, Mindo torna quindi sulla scena con un evento in cui musica e recitazione si fondono per accompagnare lo spettatore nelle suggestioni del Medioevo.

I monologhi e le letture del viandante Diamantinus creano il filo conduttore di un viaggio tra vicende e personaggi del Basso Medioevo, accompagnato dal musicista Paolo Lova, che propone al liuto brani provenienti da antichi manoscritti tramandati e copiati dagli amanuensi di tutta Europa. È un percorso non solo storico, tra falsi miti da sfatare e talvolta ironici riscontri nella realtà, Ma è soprattutto un percorso artistico, in cui le parole incontrano la musica, danzando sulle melodie risalenti a quell’epoca che taluni definiscono impropriamente “buia”.

Il Dolce Stilnovo

Le poesie del “Dolce Stilnovo” di Guido Cavalcanti, Dante Alighieri e Guido Guinizzelli sono affiancate da brani dell’Ars Nova francese, giunti sino a noi grazie al prezioso lavoro dei monaci amanuensi. Mindo propone inoltre alcuni scritti di San Bernardo di Chiaravalle e San Francesco d’Assisi, accompagnati dal liuto di Paolo Lova.

Leggi anche:  Fabrizio Sandretto incanta con il suo concerto pontese

Le musiche

Tra le musiche scelte per lo spettacolo ve ne sono alcune che hanno uno stretto legame con il territorio canavesano, perché provengono dal Codice 115 custodito nella Biblioteca Capitolare di Ivrea. Si tratta delle trascrizioni di 86 brani dell’Ars Nova risalenti al periodo che va dal 1380 al 1390, curate dal Notaio episcopale Johannes Pelliccerj per volontà del Conte Verde, Amedeo VI di Savoia.

Una collaborazione di successo

Diamantinus e il manoscritto ritrovato, questa sera a SamoneLa collaborazione tra Davide Mindo e Paolo Lova ha sinora prodotto iniziative di grande spessore culturale: ad esempio la lettura della “Passio” del Vescovo Sabino nel contesto delle celebrazioni patronali di San Savino a Ivrea durante l’evento “Eporedia nella storia”, un’iniziativa dell’associazione “Il Diamante” che ha coinvolto diversi gruppi storici del Canavese. Il musicista e l’attore canavesano hanno proposto in passato alcune “Lecturae Dantis” di canti della Divina Commedia, accompagnata dall’esecuzione al liuto dei brani indicati dal Sommo Poeta tra i suoi preferiti.