Canavesane che vogliono bene al loro paese, ci tengono all’ambiente, alla civiltà, alla partecipazione. Sono le «Donne la Valle Sacra» che si confermano «in prima linea» con i loro esempi virtuosi nel contrastare l’incuria, l’abbandono indiscriminato dei rifiuti e l’indifferenza della stragrande maggioranza della popolazione verso un fenomeno di malcostume purtroppo in recrudescenza.

Donne per la Valle Sacra

Lunedì scorso, 8 aprile, lungo la Provinciale che collega Borgiallo a Cuorgnè, è andata in scena una riuscita giornata di «volontariato ambientale». Rispondendo all’appello dell’agronomo, Andrea Bazzini, il gruppo «Donne per la Valle Sacra», già impegnato in altre analoghe attività sul territorio, si è radunato in piazza Severino Trucano munito di guanti, sacchi e tanta voglia di fare qualcosa per il nostro ambiente troppo spesso deturpato da persone con scarsissimo senso civico. Accompagnati dall’operatore Francesco e dal mezzo a motore messo gentilmente a disposizione dall’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco, Franca Cargnello, i volontari dal Municipio si sono diretti lungo la Sp45 in direzione Bastiglia ripulendo la zona dalla spazzatura inopinatamente gettata via.

Pulizia sulla Provinciale

Alla fine della mattinata di lavoro, sono stati riempiti oltre venti sacchi di immondizia con: bottiglie in plastica e vetro, lattine di alluminio, rifiuti alimentari, ferraglia, due pneumatici, una valigia da viaggio, i resti di uno scooter e persino un’automobile in plastica per bambini. Archiviata con successo questa prima giornata di «pulizie di primavera», il Gruppo «Donne per la Valle Sacra» punta a ripetere a stretto giro di posta l’iniziativa, proseguendo, possibilmente con l’aiuto di qualche «mano in più», e completando il maquillage lungo la Provinciale.

Leggi anche:  Inaugurata a Cuorgnè la "Macchina del tempo" di Gian Paolo Quaglia

Operazione compiuta

Giustamente soddisfatte le Donne per la Valle Sacra. “Operazione compiuta! Liete che Andrea Bazzini, dopo aver individuato uno dei tanti tratti di territorio contaminati da comportamenti degni di grande vergogna, ci abbia coinvolte nella raccolta delle cose più disparate ma sufficienti per riempire, in poche ore e in breve spazio, il camioncino che ci seguiva, passo passo. A tal proposito, ringraziamo Francesco per il suo indispensabile supporto! Complimenti anche alle signore del “gruppo di cammino/Borgiallo” che hanno voluto, strada facendo, attivamente collaborare! Ma lasciateci mandare un caloroso bacetto al più giovane partecipante che sino ad ora ci ha seguito nelle nostre pulizie: il piccolo Alessandro che, stretto dalla fascia al corpo della sua mamma (Gloria Birolo di Villa), ha affrontato tranquillamente una mattinata, per lui, inconsueta e costantemente “ondulatoria”. Complimenti Gloria, grande esempio!”.