Emanuele Fontan è il nuovo maestro dell’Accademia Filarmonica dei Concordi di Cuorgnè. Succede all’indimenticato ed indimenticabile Mario Bertot, prematuramente scomparso a fine 2017.

Emanuele Fontan nuovo maestro

L’Accademia Filarmonica dei Concordi di Cuorgnè a seguito della prematura scomparsa del proprio maestro Mario Bertot, avvenuta il giorno di Natale, ha scelto il suo successore. La direzione è stata infatti affidata al giovane Emanuele Fontan. Fontan ha iniziato lo studio della musica e del clarinetto all’età di 9 anni presso la Banda Musicale di Castellamonte sotto la guida del maestro Francesco Fontan e del professor Luciano Tarozzo. Attualmente è iscritto al biennio di “Alta Formazione Artistica e Musicale” presso il Conservatoire della Valle d’Aosta, sotto la guida del professor Mirco Rizzotto.

Accademia Filarmonica dei Concordi

Durante il suo percorso di studi ha seguito master class con importanti clarinettisti come Luigi Picatto (Orchestra del Teatro Regio di Torino), Enrico Maria Baroni (Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai), Andrea Massimo Grassi (Accademia Teatro alla Scala di Milano). Emanuele Fontan collabora come clarinettista e saxofonista con numerose bande musicali, orchestre di fiati, orchestre spettacolo, big band e vari gruppi di musica da camera e jazz. Cercando di fare esperienza in più generi musicali, in modo da ampliare il più possibile il proprio bagaglio culturale musicale. Dal 2012 si è dedicato anche alla direzione di ensamble di fiati. Studiando direzione orchestrale con la prof. Stephanie Praduroux e seguendo master class con Fulvio Creux e Lorenzo Pusceddu.

Leggi anche:  Straordinario successo per la festa patronale di Cuceglio

A te Mario…

Intanto oltre alla nomina del nuovo maestro Emanuele Fontan, sabato scorso, 5 maggio, con il ricordo di Mario Bertot nel cuore l’Accademia Filarmonica dei Concordi di Cuorgnè si è esibita nell’ex chiesa della Santissima Trinità di via Milite Ignoto. La banda musicale ha quindi strappato applausi, nell’atteso evento «A te Mario…». La manifestazione è stata dunque organizzata insieme al Comune e al Quartetto Saxophobia. Ha avuto anche un importante scopo benefico. Il ricavato dell’evento è andato all’Airc per la ricerca sul cancro e alla casa famiglia dei Ronchi San Bernardo di Cuorgnè.