L’11 maggio si terrà a Favria la “Corsa contro la fame”, un’iniziativa solidale che coinvolgerà ben 362 alunni dell’Istituto comprensivo  del comune canavesano.

“Corsa contro la fame”: il progetto di solidarietà a Favria

Promossa dall’associazione “Azione contro la fame”, l’iniziativa “Corsa contro la fame” è un evento didattico e solidale che si svolgerà domani 11 maggio nel comune di Favria, nel campo sportivo di via Front. Si tratta di un’iniziativa di portata mondiale, rivolta agli studenti delle scuole primarie e secondarie di primo grado, oltre che superiori. Al progetto che lotta per un mondo migliore, privo di malnutrizione, parteciperanno ben 362 alunni  appartenenti a 18 classi delle elementari e delle medie dell’Istituto comprensivo di Favria, che quest’anno rappresenta il Piemonte. Nei giorni successivi alla manifestazione sportiva, i ragazzi potranno andare a raccogliere le donazioni presso i propri sponsor, nell’ottica di una maggiore responsabilizzazione e di un pensiero rivolto al bene sociale.

Un percorso formativo di sensibilizzazione

Il progetto di sostegno e fratellanza è stato preceduto da un percorso di formazione tenuto da un rappresentante di “Azione contro la fame“. Rimane, infatti, importante sensibilizzare gli studenti sulle cause e sulle conseguenze devastanti della malnutrizione diffusa nel mondo. Nel corso degli incontri sono stati proiettati alcuni video riguardanti delle iniziative promosse nel Ciad, un Paese scosso da conflitti regionali che acuiscono i problemi nutrizionali già presenti. A conclusione di ogni appuntamento, gli studenti hanno ricevuto il cosiddetto “Passaporto Solidale”, che permetterà loro di svolgere in prima persona azioni di sensibilizzazione sulla fame nel mondo verso conoscenti, amici e parenti.

Leggi anche:  Mirco Denicolò ospite del Cantiere delle arti di Castellamonte

Piccoli passi per cambiare il mondo

La manifestazione che si terrà a Favria segna un piccolo passo che, però, può davvero fare la differenza. Durante l’evento sportivo gli alunni potranno moltiplicare le promesse di donazione raccolte per il numero di giri di corsa che riusciranno ad effettuare. Meglio dunque allacciarsi le scarpe e scaldare i muscoli, per correre verso la solidarietà, sognando un mondo di fratellanza senza più affamati e malnutriti. Simone Garroni, Direttore Generale di “Associazione contro la fame”, si ritiene soddisfatto dei risultati della fondazione:

Nelle scorse edizioni abbiamo notato che i ragazzi rimangono molto colpiti dal nostro lavoro e ci fanno moltissime domande a riguardo. Iniziative come la Corsa sono importanti anche per questa ragione: far capire alle nuove generazioni che possono davvero fare la differenza, anche abitando dalla parte opposta del mondo.