A Caselle Torinese c’è la nuova “Fiera di Sant’Andrea”. L’iniziativa si terrà domani, domenica primo dicembre, dalle 9 alle 18.

“Fiera di Sant’Andrea”  fra tradizione e innovazione

L’appuntamento è considerato l’ultimo momento annuale per la compravendita del bestiame. Perciò risulta essere molto partecipato. Annuncia il vicesindaco Gremo: “Installeremo uno stand gastronomico dove sarà servito il bollito. Presenti i produttori delle Valli di Lanzo. La Pro Loco, invece, preparerà le frittelle. Nell’ottica di una collaborazione positiva per la città”. Il bestiame sarà concentrato al Prato Fiera , a fianco delle macchine agricole. In piazza saranno allestite esposizioni di prodotti della terra, oltre ai punti informativi delle realtà aggregative locali.

Riqualificare le fiere

L’obiettivo del Comune è riqualificare le due fiere storiche. La rivalutazione persegue l’obiettivo di rendere attrattiva la città dell’aeroporto. Sostiene il vicesindaco Paolo Gremo: “Il centro storico dev’essere pronto ad accogliere anche solo una piccola percentuale di visitatori che giungeranno dal grande parco commerciale delle aree Ata. La partenza del cantiere è imminente”.

Leggi anche:  250 anni di fondazione della Filarmonica Fornese

Collaborazione con i commercianti

La fiera viene rivalutata dopo un percorso di sei anni con la “Libera Associazione Commercianti e Artigiani”. Negli anni si sono coinvolte le scuole, le realtà associative e i singoli cittadini.