In occasione dell’Open Day, l’Associazione Filarmonica Castellamonte – Scuola di Musica “Francesco Romana” ha allestito a festa e riempito di colori e di suoni il viale alberato che conduce alla propria sede.

Open day Scuola di musica

L’Open Day, prganizzato dall’Associazione Filarmonica Castellamonte – Scuola di Musica “Francesco Romana”, ha fatto centro. Al suono della campanella, che ha sancito la fine delle lezioni della scuola elementare, si è esibita la Junior Band mentre decine di bambini uscivano dai cancelli e tanti genitori hanno deciso di accompagnare i propri figli nel percorso musicale che vedeva schierati tutti gli insegnanti e gli allievi della scuola di musica, ognuno intento a suonare il proprio strumento musicale.

Colpo di fulmine con le 7 note

E’ stata definita come una esibizione di “street music” e, in base ai gusti e alle preferenze, i curiosi si sono distribuiti lungo tutto il percorso: è stato un’occasione imperdibile per vedere come si suonano tanti strumenti musicali così diversi l’uno dall’altro. E dopo pochi minuti è stato bellissimo per i bambini poter entrare nella Casa della Musica e poter provare a suonare in prima persona quegli stessi strumenti ascoltati poco prima. Durante l’Open day in tanti sono riusciti a fare il giro completo di tutte le sale incontrando uno ad uno tutti gli insegnanti per poi scegliere a fine giornata lo strumento che si è rivelato migliore.

Leggi anche:  Street Music & Open Day della Filarmonica Castellamonte

Esibizioni da 10 in pagella

Giustamente soddisfatti gli organizzatori dell’Open day: “Una volta si tendeva a far suonare ai figli lo strumento che si trovava in casa, perchè magari appartenuto al nonno o allo zio, ma era una scelta un pò forzata, molto meglio avere una ampia possibilità di scelta e l’occasione di poter prima ascoltare e poi provare così tanti strumenti in una volta sola è fondamentale. Certo, chi frequenta i percorsi di propedeutica musicale ha la possibilità di avvicinarsi più gradualmente agli strumenti musicali e di scoprirli ad uno ad uno nel corso delle lezioni annuali e di scegliere infine con più calma, ma l’open day è fatto per l’amore a prima vista, per il cosiddetto colpo di fulmine. Ma la musica in fondo è così… se ci si lascia coinvolgere bastano pochi minuti per capire come può essere bello crescere in un gruppo di amici che si divertono suonando insieme, e poi non importa se si è scelta la batteria o il violino, la tromba o la fisarmonica, il saxofono o l’arpa, il flauto o lo xilofono, il clarinetto o il pianoforte, il corno o la chitarra, o se si è scelto il canto, l’importante è sapersi mettere in gioco e trovare la determinazione per porsi un obbiettivo che ci potrà accompagnare per tutta la vita”.