Le fiabe prendono vita: succede a Castellamonte, dove con il patrocinio del Comune apre la seconda stagione del primo parco emozionale del Canavese.

Le fiabe prendono vita

Con il patrocinio del Comune, WowEventi, in collaborazione con la struttura ricettiva Equinozio, annuncia l’apertura della seconda stagione del Fiabosco. Si tratta infatti del primo parco emozionale del Canavese. Nuove avventure ed incredibili storie si nascondono tra gli alberi della struttura. Al primo cenno di primavera, i folletti si risveglieranno. Con loro l’intero bosco ed i suoi abitanti prenderanno vita diffondendo nell’aria una ventata di magia! “Alcuni “ospiti” speciali faranno tuttavia improvvisamente visita al Fiabosco in occasione del 18° compleanno della principessa Bea. – spiegano gli organizzatori – Sono quindi i più famosi protagonisti cattivi delle fiabe! Sarà necessario l’intervento del maggior numero di bambini possibili per aiutare la nostra principessa affinché la magia delle fiabe continui a vivere”.

Fiabosco spring edition

Sono cose che succedono a “Fiabosco”, dove le fiabe prendono vita. Ma non solo. Il primo parco emozionale regala infatti a grandi e piccini un’esperienza fatta di meraviglia, emozioni e sogni. La struttura, dopo il grande successo natalizio, dal prossimo 17 Marzo fino al 17 Giugno aprirà nuovamente la sua magica porta per farvi entrare in un mondo da favola. Inoltre, in esclusiva per le scuole del Canavese, è previsto l’ingresso gratuito nella settimana dal 12 al 16 Marzo!  L’Idea di Fiabosco nasce dall’esperienza, delle due società fondatrici, nel mondo del Family Entertainment. E dalla volontà di valorizzare la magica location di Equin’Ozio che, da oltre trent’anni, rappresenta, per molti bambini e ragazzi,  “L’isola che non c’è” del famoso libro “Peter Pan” .

Leggi anche:  Settembre Casellese un fine settimana ricco di appuntamenti

Turismo alla scoperta del territorio

Un mix tra una passeggiata naturale. Un bosco di fate irlandese. Un percorso avventura e uno spettacolo teatrale. Gli obbiettivi del progetto sono molteplici. Ma partono dalla volontà di rilanciare un turismo per famiglie dando la possibilità di scoprire il territorio canavesano e le magnifiche valli che lo circondano.  “Il nostro obbiettivo principale è rappresentato dalla necessità sempre crescente della famiglie di regalarsi esperienze e tempo di qualità. – aggiungono dal parco – I ritmi frenetici e l’intensa giornata della famiglia di oggi necessitano di pause energizzanti e momenti di qualità da vivere e condividere insieme”. Le fiabe prendono vita a Fiabosco. Tuttavia quest’ultimo rappresenta soprattuto un’esperienza che crea un ricordo felice negli adulti e nei bambini.