Lo scultore uruguagio Pablo Atchugarry in mostra a Cuorgnè insieme alle opere di alcuni Maestri della pittura italiana del ‘900, in un emozionante connubio tra scultura e pittura.

Pablo Atchugarry in mostra a Cuorgnè

Il Rotary Club Cuorgnè è Canavese, insieme a FR Istituto d’Arte Contemporanea, con il sostegno di CEFI srl e della Fondazione Pablo Atchugarry, con il Patrocinio del Comune di Cuorgné, della Città Metropolitana di Torino e della Regione Piemonte, ha organizzato la mostra dal titolo “Pablo Atchugarry e i principali Movimenti Artistici italiani del XX secolo ” presso la ex Chiesa della SS. Trinità di Cuorgnè, via Milite Ignoto.

L’esposizione

La mostra vedrà esposte 10 sculture in marmo e in bronzo di Pablo Atchugarry, scultore uruguagio conosciuto per la sua scultura astratta, e 24 quadri di artisti italiani di primo piano, rappresentativi dei principali Movimenti Artistici italiani del XX secolo, generosamente concessi in esposizione da alcuni collezionisti locali, dall’Istituto d’Arte F. R., dalla Fondazione Pablo Atchugarry.

La “cultura del bello”

“Con l’organizzazione di questo evento culturale di rilevanza internazionale il Rotary Club Cuorgné e Canavese porta il territorio canavesano al centro del panorama culturale italiano – dicono dal Rotary cuorgnatese – offrendo ai visitatori la possibilità di ammirare oltre alle opere dello scultore uruguaiano, anche le opere di alcuni Maestri della pittura italiana del ‘900, in un emozionante connubio tra scultura e pittura. Lo scorso anno rotariano è stato dedicato alla “cultura del bello” e a quelle attività volte a creare opere a cui si riconosce un valore estetico, per mezzo di forme, colori, parole e suoni. In quest’ottica nasce il desiderio del Club di portare nel Canavese una mostra importante restituendo al territorio, che fa da indiscutibile cornice, la sensibilità artistica di Pablo Atchugarry scultore di fama internazionale.
L’iniziativa prosegue questo percorso di sensibilizzazione alla “cultura del bello”, di cui l’Arte è il principale esponente, iniziato con il Presidente 2018-2019 e proseguito dal Presidente 2019-2020 a testimonianza che il simbolo rotariano, “la ruota”, rappresenta comunione e continuazione di intenti”.

Leggi anche:  Primo album per i The Minis e stasera concerto a Torino

Inaugurazione e aperture

L’inaugurazione si terrà giovedì 12 settembre 2019 alle 18 alla presenza del celebre scultore uruguagio e resterà aperta al pubblico fino al 4 ottobre, con il seguente orario: dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12 e dalle 15.30 alle 18; sabato e domenica dalle 9.30 alle 12 e dalle 15 alle 19. Lo scultore nel pomeriggio di giovedì 12 incontrerà un gruppo di studenti dell’Istituto XXV Aprile-Faccio di Castellamonte.