Venerdì scorso, 28 dicembre la scuola materna di Oglianico ha ospitato l’evento “Note di solidarietà”.

“Note di solidarietà”

Unendo le forze si può fare molto. Si riesce a dare una mano concreta a coloro che hanno più bisogno. Si realizzano progetti, piccoli o grandi che siano, in grado di permettere a chi è meno fortunato di guardare al futuro con maggiore speranza. Con questo spirito, venerdì 28 dicembre le porte della scuola materna di Oglianico si sono aperte per ospitare «Note di solidarietà», ovvero l’evento benefico che è stato allestito grazie alla stretta collaborazione voluto da Filarmonica Oglianicese, la stessa materna, il Coro cittadino e le Ex Allieve Fma.

Esibizione natalizia

Un’esibizione andata in scena a partire dalle ore 21 e che ha registrato un’affluenza inferiore rispetto alle attese della vigilia. E’ stata questa l’occasione per ascoltare musiche e canti dedicati al periodo di Natale, come quello di Capodanno, in un’atmosfera di allegria, ma anche con uno scopo umanitario. Infatti, l’evento di settimana scorsa ospitato in quel di Oglianico non è stata solo l’opportunità di rivedere in primo piano il mondo delle «sette note», ma anche di fare del bene.

Leggi anche:  Lilt delegazione di Volpiano: due appuntamenti per il tesseramento

Evento dedicato alla solidarietà

Quanto raccolto in tale serata verrà utilizzato per sostenere due importanti iniziative. Una è legata al progetto «Una mano tesa per Tobora-Mahenge», il quale è portato avanti dalla Fondazione Cottolengo. L’altra, invece, è denominata «Abio – Accanto ai bambini dell’ospedale», che a sua volta si occupa di essere il più vicino ai piccoli degenti. La risposta, complessiva, avuta in questa uscita conferma comunque l’attenzione e il grande cuore di parte dei cittadini oglianicesi, che hanno trascorso un momento di spensieratezza, consapevoli di fare del bene.