Nuovo guardrail e altri lavori al lago Sirio di Chiaverano. L’obiettivo è quello di rendere sempre più il Lago Sirio fruibile da persone, del luogo o turisti.

Nuovo guardrail

Nella giornata di giovedì 29 maggio, la Città Metropolitana ha posato un nuovo guardrail a Chiaverano, nella discesa che dal condominio “La Bacciana” arriva fino all’incrocio con la strada che porta al Vecchio Cipresso. Era un intervento richiesto da tempo che finalmente è stato realizzato consentendo così ai pedoni di poter camminare in sicurezza protetti dal guardrail.

Progetto

Questo non è il solo intervento in programma, altri sono in progetto e saranno realizzati progressivamente. L’obiettivo dell’amministrazione è quello di rendere sempre più il Lago Sirio fruibile da persone, del luogo o turisti, attratte dalla bellezza del territorio e del paesaggio. Persone che vogliono andare al lago per passare qualche ora di tranquillità e di relax. “Per queste ragioni – continuano il comunicato – riteniamo che il lago deve principalmente essere di chi lo vuole frequentare a piedi o in bicicletta e, quindi, non può e non deve essere il luogo nel quale si arriva con l’auto fino a parcheggiare sui bordi del lago”.

Leggi anche:  Picchiato dai ladri che aveva sorpreso in casa sua

Gli interventi

Ecco gli interventi. E’ stato ricavato un nuovo spazio pubblico sul lungo lago sulla stradina che inizia dopo lo Chalet Moia e va verso Ivrea. Lo spazio era già presente ma utilizzato principalmente come parcheggio. Ora è già stata posta una sbarra che impedisce l’accesso alle auto, verrà riportata della terra e seminata erba in modo da ottenere un’area destinata a chi vorrà prendere il sole e farsi un bagno godendo di un bellissimo panorama. Ampliamento parcheggio di fronte alla Pizzeria “Il Sole”, nell’area “Ex Parco Robinson” e di fronte al Ristorante “Il Cigno”. E non saranno le uniche aree. Poi, per salvaguardare i pedoni, si sta definendo con la Città Metropolitana la posa di due piattaforme rialzate in corrispondenza dei passaggi pedonali posti vicino al Ristorante il Cigno e vicino alla discesa per lo Chalet Moia. Infine, prosecuzione del marciapiede.