E’ stato inaugurato, alla presenza del sindaco, Giuseppe Pezzetto, e degli amministratori comunali, Sabrina Mannarino, Giovanna Cresto e Vanni Crisapulli, lunedì 17 giugno il primo orto giardino sociale del paese delle due torri.

Orto giardino sociale

Si tratta di un progetto realizzato grazie alla sinergia tra il Comune di Cuorgnè, il Consorzio dei Servizi Socio Assistenziali CISS38 e la Fondazione Comunità del Canavese. L’orto giardino sociale nasce all’interno dell’ex Istituto Morgando di Cuorgnè, in un’area verde che fino a pochi mesi fa ospitava una folta massa di rovi a causa dell’incuria degli ultimi anni, adiacente ai campetti da gioco degli ex salesiani. Oggi, quello spazio ha ripreso vita con la fruttuosa collaborazione dell’Associazione SE.MI Onlus e di alcune persone, facenti farti della Compagnia Giribaldi, che hanno deciso di attivarsi per restituire questo bene alla comunità.

Progetto di ripristino

Il progetto di ripristino e riattivazione dell’area propone la realizzazione di un orto giardino estetico, organizzato secondo i principi della coltivazione sinergica – ha spiegato il consigliere Sabrina Mannarino, che ha subito creduto fortissimamente nella bella iniziativa – La disposizione delle aiuole disegna sul suolo un motivo riconoscibile che rende l’aspetto dell’orto simile ad un giardino dove le piante orticole – la cui scelta predilige le specie e le cultivar del territorio- sono accompagnate da fiori e piante utili ad attrarre una vasta entonofauna impollinatrice e contrastante di tanti insetti patogeni. Ad oggi, la coltivazione sta permettendo la nascita di diversi ortaggi che verranno destinati al Centro Diurno Metafora di Cuorgnè gestito dalla Cooperativa Andirivieni che accoglie ragazzi con disabilità. Proprio questi ultimi sono coinvolti nella coltivazione dell’orto. I frutti del giardino saranno destinati anche all’Associazione San Vincenzo di Cuorgnè che si occupa, tra l’altro, della consegna della borsa alimentare a persone in difficoltà”.

Leggi anche:  15ª Sagra del Torcetto, della Toma e del Grissino di Lanzo: ci siamo!

Senso di comunità

Poco prima del “taglio del nastro”, i bimbi del centro estivo sono stati accompagnati nella scoperta e conoscenza dell’orto giardino e degli ortaggi che stanno nascendo con la possibilità di sperimentarsi nella coltivazione di un’aiuola e nell’osservazione degli insetti che abitano l’area verde. La splendida giornata si è conclusa con un piccolo aperitivo con i prodotti del Mercatino di Campagna Amica di Coldiretti, partner del progetto.