Anche quest’anno torna il Castello dei lettori: un’interessante ed imperdibile appuntamento con i libri al Castello Malgrà di Rivarolo Canavese che aprirà le porte dalle 15,00 alle 19,00 a tutti coloro che vorranno scambiare libri e conoscere la calligrafia medievale.

Il Castello dei lettori

L’iniziativa Il Castello dei lettori, giunta alla XV edizione, è organizzata dall’Associazione Amici del Castello Malgrà in collaborazione con la Biblioteca Comunale “Domenico Besso Marcheis” con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Città di Rivarolo Canavese. Quest’anno due ospiti speciali, ovvero l’associazione “Dal segno alla scrittura” che farà conoscere a tutti i visitatori la calligrafia dell’epoca medievale e gli “Amici dell’Osservatorio di Alpette” che, attraverso speciali telescopi, conseentirà ai partecipanti all’evento di vedere da vicino il sole.

Ospiti speciali

“Un invito speciale che l’associazione ha fatto alla neo eletta amministrazione sia per la maggioranza che per la minoranza ed in particolare ai nuovi consiglieri è stato quello di aderire all’iniziativa venendoci a trovare al Castello alle 15:00, ognuno con un proprio libro di scambio. Ci auguriamo che venga accolto il nostro invito con la speranza che la cultura possa essere sempre frutto di aggregazione e condivisione” spiegano gli organizzatori.

Leggi anche:  Enti Locali: in arrivo nuovi contributi governativi alle scuole Canavesane

Bookcrossing

Nello spirito del bookcrossing, durante tutto il pomeriggio i visitatori de Il Castello dei lettori potranno mettere in circolo e scambiare libri di ogni genere, per bambini e adulti: un’occasione per condividere le letture che ci hanno entusiasmato o cercare qualche spunto interessante per le prossime giornate estive. A disposizione di tutti i giochi di logica realizzati dagli Amici del Castello per provare le proprie abilità con amici, figli e genitori.
Sarà inoltre un’occasione per visitare la mostra dal titolo “Con il naso all’insù….”, organizzata in collaborazione con l’Osservatorio Astronomico di Alpette. Sarà proprio grazie a loro, in caso di bel tempo, che sarà possibile vedere il sole attraverso speciali telescopi con i filtri che ne consentono la visione.