Tempo di elezioni per il gruppo delle Penne nere cuorgnatesi. Nell’assemblea dei soci, andata in scena sabato 19 gennaio, è stato eletto il nuovo Consiglio direttivo ed il capogruppo degli Alpini di Cuorgnè.

Alpini di Cuorgnè nuovo direttivo

Con l’assemblea dei soci, di sabato 19 gennaio, eletto il nuovo Consiglio direttivo ed il capogruppo degli Alpini di Cuorgnè. La riunione è stata presieduta dal vice presidente sezionale, Paolo Querio, che ha portato il saluto del Presidente Sezionale e ringraziato tutto il gruppo per la propria disponibilità e costante impegno in favore della collettività. All’incontro ha partecipato anche il sindaco di Cuorgnè Beppe Pezzetto.

Salvalaggio capogruppo

«Ringrazio tutti gli Alpini per il contributo a favore della città e anche e soprattutto per la loro voglia di essere sempre disponibili» ha spiegato il primo cittadino. Il risultato delle urne ha quindi confermato Francesco Salvalaggio come capogruppo. Fanno invece parte del consiglio: Roberto Lucchini, Nicola Mattiuz, Marco Pianfetti, Cristiano Pianfetti, Mauro Panerio, Michele Panier Suffat, Enzo Zucco, Alberto Bersano, Piero Villa, Giovanni Bertotti, Carlo Aimone, Domenico Galletto, Giuseppe Marchiando, Claudio Bonato, Mario Ronchietto.

Gruppo storico

Il Gruppo Alpini di Cuorgnè viene fondato nel 1930 dai Soci Fondatori tra i quali i Sig.ri Attilio Botto, Ernesto Chiodi e Carlo Felice Ceresa. Fin dalla fondazione il Gruppo è intitolato alla Medaglia d’oro al valore militare Enzo Zerboglio, caduto sul Monte Solarolo nell’ottobre del 1918. Il Primo Capo Gruppo fu Attilio Botto, fino al 1953 seguito dal Geom. Ezio Macciotta fino al 1964. Dal 1965 al 1969 è la volta del Cav. Mario Villa, poi, fino al 1988 il Cavaliere Enrico Falletti che passa lo zaino al Sig. Arturo Rovetti che chiude il secondo millennio. Dal 2001 è Capo Gruppo il Geom. Antonio Bertot che dopo sei anni lascia la carica al Sig. Francesco Salvalaggio, attuale Capo Gruppo. La Madrina del Gruppo è Giada Perino. A Cuorgnè abitò per diversi anni e morì il Generale Giuseppe Perrucchetti, il fondatore degli Alpini. Una lapide lo ricorda nell’attuale Via Perrucchetti.