Serata riuscita per l’apertura dei 60 anni del Cai Leini. Ospite Carlalberto Cimenti.

Serata riuscita per l’apertura dei 60 anni del Cai Leini

E’ stata una serata da brividi quella organizzata sabato scorso, 16 febbraio, dal Cai per l’apertura dei festeggiamenti del 60° della fondazione della sezione leinicese. Da brividi per le temperature e le pendenze vissute tramite il coinvolgente racconto di Carlalberto Cimenti intervenuto come ospite al teatro civico Luciano Pavarotti. La serata, aperta dal presidente del sodalizio Giuseppe Reolfi ha visto l’intervento del sindaco Gabriella Leone che, nel fare gli auguri per il compleanno del sodalizio, si è complimentata con tutto il direttivo per la capacità aggregativa.

Ricordata un po’ di storia dell’associazione cittadina

A ricordare gli albori del sodalizio è stato uno dei primi soci fondatori e presidente per decenni: Giuseppe Tempo. E’ stato lui a ricordare gli albori dell’associazione, nata grazie a un’idea del maestro Battistino Depaoli, denominata Grel (Gruppo Ricreativo Escursionistico Leynicese) e poi, dopo essere stata sottosezione di Ciriè, raggiunti i 50 soci, sezione autonoma.

Leggi anche:  Il bosco abitato una passeggiata di 7000 anni fa

Dopo Cimenti appuntamenti all’11 maggio

Il presidente Reolfi ha poi introdotto la figura di atleta, escursionista e amante dello sci estremo, Carlalberto Cimenti, da tutti conosciuto come “Cala”. Con l’ausilio di un filmato ha mostrato tutte le fasi che lo hanno portato a scalare la vetta pakistana, di oltre sei mila metri, del Laila Peak (Karakorum). Il prossimo appuntamento, invece, del Cai per proseguire nei festeggiamenti del 60° di fondazione, è fissato per sabato 11 maggio, sempre al teatro civico Luciano Pavarotti, con lo spettacolo teatrale sulla conquista del Cervino narrato dalla compagnia del teatro di Aosta.