Sabato primo giugno allo Scaricatore Ferroviario di Castellamonte la Banda Osiris ha tenuto il terzo concerto di primavera, di fronte a ben 400 spettatori.

Un concerto di musica e… risate

I quattro artisti della Banda Osiris hanno intrattenuto il pubblico di Castellamonte con un concerto fuori dagli schemi, tenutosi nella suggestiva location dello Scaricatore Ferroviario sabato primo giugno. Con ben 400 spettatori, il terzo evento musicale dei Concerti di Primavera – Rassegna “Michele Romana”, organizzata dall’Associazione Concertistica Castellamonte, è stato tra i più riusciti a detta del presidente della Filarmonica, Giacomo Spille. La serata, dal titolo “Le dolenti note – il mestiere del musicista: se lo conosci lo eviti”, ha visto un connubio perfetto tra organizzazione ed esibizione. I quattro artisti hanno festeggiato il 40° compleanno della loro banda con uno spettacolo divertente, che ha saputo unire la travolgente comicità alla buona musica. Ogni momento della serata è stato scandito da colpi di scena e siparietti di humor che hanno letteralmente rapito il folto pubblico, tra cui erano presenti componenti delle band di Castellamonte oltre che moltissimi maestri e musici di formazione.

Leggi anche:  L'associazione Sorriso festeggia i suoi primi 20 anni

Pioggia di applausi per la Banda Osiris

Alla bravura dei musicisti, che sono stati ripagati da uno scroscio di applausi, si è aggiunta anche la qualità del service audio e luci, gestito dalla Nightlife di Cuorgnè in collaborazione con il tecnico della band arrivato dalla Toscana. Un altro “effetto speciale” ha poi sancito la fine delle esibizioni: lo sparo sincronizzato di un tripudio di coriandoli che con i loro colori vivaci hanno inondato il teatro. Al termine del riuscito spettacolo è stato presentato il Libro d’Oro dei concerti con il dipinto che ritrae il gruppo, realizzato dal pittore rivarolese Eugenio Guarini, su cui i protagonisti della Banda Osiris hanno apposto la loro firma. I quattro eclettici artisti hanno intrattenuto il pubblico di Castellamonte, ma anche il comune canavesano ha voluto coinvolgere questi ospiti così particolari. La banda ha così visitato con curiosità la città della ceramica, che con la sua rassegna musicale continua a soddisfare le aspettative.