Sono terminate in questi giorni le riprese del videoclip del gruppo “Gli Archimisti” presso il Teatro Comunale Tullio Pinelli di Cuorgnè.

Un videoclip nel teatro comunale Tullio Pinelli

Sono terminate in questi giorni le riprese del videoclip del gruppo “Gli Archimisti” presso il Teatro Comunale Tullio Pinelli di Cuorgnè. “Abbiamo accettato di buon grado questa richiesta. – sottolinea il Sindaco Beppe Pezzetto – Infatti, durante le riprese il Teatro sembrava rivivere. Un buon auspicio nell’attesa di ridare quanto prima un’anima a questo luogo meraviglioso”.

Gli Archimisti

“Gli Archimisti”, protagonisti del videoclip girato al teatro comunale Tullio Pinelli, sono un ensemble d’archi molto versatile. Dalla cellula più piccola, il duo di violini, fino all’ensemble con una decina di elementi amano creare concerti ed eventi con music di ogni tipo, spaziando dal repertorio barocco del 600-700 fino alle cover di canzoni pop-rock. Prediligono palcoscenici insoliti. Ricercano pertanto per le loro produzioni dei “tesori nascosti” da far riscoprire ed apprezzare. “In funzione dl nostro ultimo videoclip – spiegano dal gruppo – per proporre una cover nella formazione del quartetto d’archi stavamo cercando un piccolo “teatro all’italiana. Ci siamo rivolti ad una amica, una guida turistica professionale, la quale ci ha suggerito il Teatro comunale Pinelli di Cuorgnè”.

Leggi anche:  Progetto Indipendentemente: buon successo per il coro solidale del Cai

Amore a prima vista

“È stato amore a prima vista. – aggiungono Gli Archimisti – I nostri colleghi e tutti i professionisti dello staff sono rimasti affascinati da questo piccolo gioiello. Quindi tutti hanno dato il massimo per realizzare questo videoclip. Oltre ad un modo particolarmente raffinato per presentare una delle nostre cover, il video vorrà anche essere un modo per presentare al pubblico il Teatro, che è chiuso da tanti anni, che ha ancora bisogno di tante cure. Ma che merita di essere al più presto riaperto per ospitare eventi e cultura. E ritornare ad essere il luogo in cui la comunità di Cuorgnè riscopre la propria identità”.