Una fiaba per la montagna, ecco i vincitori 2019.

Una fiaba per la montagna

Si è svolta quest’anno a Locana, presso il salone «Don Salvetti» di Rosone, la cerimonia di premiazione del premio letterario nazionale  Enrico Trione – Una fiaba per la montagna. Il concorso, promosso a partire dal 2002 dall’associazione culturale pontese «‘L Péilacän» per ricordare il giovane socio Enrico Trione, prematuramente mancato, per la prima volta si è spostato da Pont Canavese, inaugurando un viaggio che lo porterà nei vari Comuni del Parco Nazionale del Gran Paradiso, di cui è premio letterario ufficiale.

Il tema del 2019

L’edizione 2019 dedicata al tema «Il doppio», organizzata con il patrocinio e la collaborazione dei Comuni di Pont Canavese e Locana e del Parco Nazionale Gran Paradiso, ha visto trionfare, nella sezione in lingua italiana, Pierangelo Costanza di Strambino con la fiaba «Ël Dobe», storia originale e sorprendente di un bottiglione di vino all’interno di una cantina polverosa.

Gli altri premiati

Per la sezione in lingua francoprovenzale ha vinto Enrica Guichardaz di Aosta con la fiaba «Lo lapén è léd ave prénsesse» e, per la sezione in lingua piemontese, si è imposto Luigi Lorenzo Vaira di Sommariva Bosco con «Lorens e Rensino dla müsica». Il premio animazione «Scrivi una fiaba diverrà un cartone animato» è stato vinto da un gruppo di alunni della scuola di Ginestra degli Schiavoni, in provincia di Benevento, con una fiaba che ha trattato con molta delicatezza il tema del bullismo. Un premio speciale «alla carriera» è stato assegnato a Mario Emilio Corino di Valperga, il quale ha partecipato con successo a tutte le 18 edizioni del premio. Moltissimi i premi assegnati anche per la sezione giovanile e per quella dedicata agli alunni delle scuole elementari e medie dei Comuni del Parco del Gran Paradiso.

Leggi anche:  Gemellaggio Italia-Romania: borgaresi in trasferta a Focșani

La pubblicazione delle opere

Le opere pervenute al concorso sono state centinaia da tutto il territorio nazionale e hanno confermato il successo di una formula consolidata e di un lavoro attento e meticoloso della giuria, presieduta dal professor Giovanni Tesio, che ha svelato in anteprima il tema del prossimo anno: «Le piante del Paradiso». Le fiabe premiate sono pubblicate sul sito www.unafiabaperlamontagna.it e nel nuovo volume della collana «Una fiaba per la montagna», curato e illustrato da Gianfranco Schialvino, che può essere richiesto direttamente all’associazione, telefonando al numero 348-1474530 o inviando un’e-mail a info@unafiabaperlamontagna.it. Gremita la sala della premiazione, con la partecipazione di tanti ragazzi e di un ospite d’eccezione legato all’avvenimento dell’anno in valle Orco, il passaggio del «Giro d’Italia»: Giovanni Ellena, canavesano, direttore sportivo della Androni Giocattoli Sidermec, che ha vinto il titolo di miglior direttore sportivo del 2018 assegnato da “Tuttobici”. Ellena, personaggio riservato che non ama le luci della ribalta, in questa sede si è lasciato andare ai ricordi: ha portato con sé alcuni filmati della sua attività di preparatore atletico e appassionato ciclista e ha ricordato il più celebre dei suoi allievi, Egan Bernal, il giovanissimo vincitore del «Tour de France 2019», cresciuto ciclisticamente anche sulle strade del Canavese. Un’autentica fiaba la sua, nata in sella ad una bicicletta.