Festeggiata questa domenica, 15 dicembre, a Castellamonte Santa Barbara. Il paese della ceramica ha reso omaggio nel migliore dei modi possibili ai suoi infaticabili e coraggiosi Vigili del fuoco volontari.

Vigili del fuoco volontari in festa

Santa Barbara è la santa che rappresenta la capacità di affrontare il pericolo con fede, coraggio e serenità anche quando non c’è alcuna via di scampo. È stata eletta, infatti, protettrice dei Vigili del fuoco. A Castellamonte la patrona dei “caschi rossi” è stata celebrata in grande stile questa domenica, 15 dicembre. La città della ceramica si è data appuntamento alla chiesa parrocchiale dei santi Pietro e Paolo per rendere un doveroso omaggio ai suoi infaticabili pompieri. E’ stata una riuscita ed emozionante festa per il comitato di Castellamonte dei Vigili del fuoco volontari.

In ricordo dei pompieri caduti in servizio

I vigili del fuoco volontari di Castellamonte hanno festeggiato Santa Barbara insieme ai colleghi dei distaccamenti di Ivrea, Rivarolo Canavese e Cuorgnè. Alla Santa Messa, officiata dall’arciprete don Angelo Bianchi, hanno partecipato anche la Filarmonica del paese della Ceramica, il sindaco di Castellamonte, Pasquale Mazza, il viceborgomastro, Teodoro Medaglia, il consigliere regionale, Mauro Fava, e i primi cittadini di Bairo e Agliè, Claudio e Marco Succio. Durante le celebrazioni è stato osservato un minuto di silenzio in ricordo di Matteo Galstaldo, Marco Triches, Antonio Candido: i tre vigili del fuoco morti nell’esplosione della cascina a Quargnento, nell’Alessandrino.

Leggi anche:  Il Carnevale di Bosconero ha aperto le danze: incoronata Miriam Zappavigna

Le parole di don Angelo

“Non possiamo che ringraziare i vigili del fuoco volontari di Castellamonte e le altre persone che svolgono attività di volontariato sul territorio – ha detto nella sua omelia don Angelo Bianchi – Senza i volontari l’Italia, dico sempre, “crollerebbe”. Non c’è niente di importante nella vita che si conquisti senza impegno. Il nostro grande grazie va ai nostri pompieri proprio per quel quotidiano impegno, anche a rischio della loro vita, che mettono nell’aiutare chi si trova in una situazione di bisogno ed emergenza. E’ molto bello sapere che c’è qualcuno che ha bisogno di te e riuscire ad aiutare questo qualcuno è la gioia più grande che si possa portare nel cuore. Ecco perché quello dei vigili del fuoco non è un lavoro, ma una vera e propria missione: un servizio alla collettività, come quello che rendono i sindaci. ai pompieri va il nostro grazie e il nostro impegno ad aiutarli nel limite di quanto ci è possibile”.