Un passo alla volta, stanno terminando tutti gli interventi che interessano piazza Italia, la nuova area mercatale di Volpiano. Nella mattinata di sabato 13 aprile, infatti, un piccolo volpianese, aiutato dal sindaco, Emanuele De Zuanne, ha tagliato il nastro del nuovissimo parco giochi realizzato nella piazza.

Nuovo parco giochi

Le giostre (uno scivolo e due altalene) sono pensate per bambini dai 6 ai 12 anni. «In realtà i bambini – spiega il primo cittadino De Zuanne – ci andavano già da una settimana, cioè da quando sono terminati i lavori. A breve verranno anche installati dei teli ombreggianti che copriranno le panchine dell’area giochi. Inoltre, verranno realizzate delle strisce pedonali per permettere un accesso più sicuro». La realizzazione del parco giochi di piazza Italia, inoltre, si inserisce all’interno di un progetto ben più ampio.

Piazza Italia

«L’operazione parchi – continua il sindaco – è iniziata già nel 2014, durante il mio primo mandato. Sabato 27 aprile, inoltre, sarà inaugurata l’area pic-nic (ex skate park) che abbiamo recuperato in via Monviso e provvederemo anche alla segnalazione del sentiero che da lì permette di raggiungere l’area giochi di Madonna delle Vigne. In questo modo creeremo una sorta di circuito». Ma prima del taglio del nastro, c’è stato tempo per un’altra inaugurazione.

Leggi anche:  Eporedia nell'antica Roma, ecco com'era Ivrea quasi 2000 anni fa

Targa artistica

Oltra al taglio del nastro del nuovo parco giochi è stata infatti scoperta una bellissima targa artistica che è stata posizionata in prossimità delle nuove strutture della piazza che ospiteranno alcune associazioni. La coloratissima opera è stata realizzata dagli artisti del Centro Diurno «Jolly», storica realtà della cittadina di Volpiano. Tra i vari laboratori organizzati, c’è anche quello di ceramica e diverse loro composizioni si trovano sul territorio di Volpiano, come la stazione ferroviaria e la caserma dei Vigili del Fuoco. «Un modo – conclude il sindaco – per favorire anche l’integrazione del Jolly all’interno della comunità volpianese».