Ciac Ivrea Canavese un pezzo di nostro territorio dentro il nuovo TheFabLab al Talent Garden Fondazione Agnelli inaugurato  mercoledì 28 marzo 2018.

Ciac Ivrea Canavese grande protagonista

Attraverso la partnership con TheFabLab, il Ciac Ivrea Canavese è protagonista del nuovo spazio di coworking avveniristico dedicato allo smart working, agli eventi e alla formazione. Si tratta infatti di un laboratorio condiviso di fabbricazione digitale e centro di ricerca e sviluppo sugli smart object. E’ stato fondato da Massimo Temporelli. Attraverso questa importante collaborazione, cui aderiscono anche player rilevanti dell’industria dell’automazione industriale e della robotica, quali Comau ed Altran, Ciac quindi intende continuare nel percorso di investimento e di conoscenza di Industry 4.0. Avviato nei mesi scorsi e culminato nell’inaugurazione ad Ivrea della sua nuova sede Ghiglieno con la realizzazione di 4.Officine. Un laboratorio di contaminazione, una fabbrica simulata, un centro per la formazione altamente specializzata.

Collaborazione importante

La relazione tra il centro formativo canavesano e TheFabLab risulta ormai consolidata nel tempo. Infatti nelle sedi Ciac di Ciriè e Valperga sono stati realizzati laboratori tecnologicamente avanzati. Con l’obiettivo quindi di “rivoluzionare” la didattica del fare. Puntando su un apprendimento reale e concreto, legato alla digitalizzazione del manufacturing. Ne sono un esempio le stampanti 3D e le schede Arduino. La collaborazione sarà finalizzata dunque a valorizzare il concetto di “fabbrica diffusa”. Per attrarre competenze ed esperienze di altissimo valore con una ricaduta positiva sui docenti e gli allievi dei corsi Ciac Ivrea Canavese.

Leggi anche:  Istruzione adulti, un nuovo centro a Ciriè a partire da settembre

Formazione 4.0

“Siamo orgogliosi di questa collaborazione con TheFabLab al Talent Garden di Torino. – ha spiegato Pier Mario Viano Direttore Generale di Ciac Ivrea Canavese – Essa si inquadra in un processo di cambiamento della formazione in ottica 4.0. Dove alla teoria si deve sempre più affiancare una pratica intellettuale, sapiente, intuitiva e smart.  Fare infatti parte in modo sinergico di un luogo di contaminazione digitale e di pensiero innovativo, non può che innalzare la nostra capacità e la nostra responsabilità nel rispondere sempre più e sempre meglio ai bisogni formativi di un mercato del lavoro che oggi non aspetta e corre veloce. Noi ci mettiamo le nostre competenze e il nostro entusiasmo. Con un occhio fiero e orgoglioso anche al brand del nostro territorio, il Canavese, dalla storia gloriosa e da un presente. Ma soprattutto da un futuro, che non può prescindere dai nuovi paradigmi tecnologici e digitali della fabbrica 4.0”.