Danza a scuola. Scuole di Favria in primo piano anche nello sport ed in particolare nella danza. Il tutto, però, portando avanti anche un tema delicato ed importante come il bullismo.

Danza a scuola

Studenti della media «Vidari» in primo piano, nelle settimane scorse, grazie alla stretta collaborazione con la «Soul Dancing Academy 2.0 A.S.D.» di Favria ed in particolare alla maestra Antonella Provenzano. Dopo che l’istituto ha  aderito ad un progetto di 10 settimane, nel corso delle quali si sono svolte 10 ore di lezione per ogni classe, alla fine sono state preparate delle coreografie. Una ha visto impegnate le Prime che vanno dalla A alla E, un’altra invece ha riguardato i ragazzi e le ragazze della Seconda dalla A alla D.

Olimpiadi della danza

La scuola ha poi preso parte alle «Olimpiadi della Danza», che a marzo si sono tenute in un gremitissimo «Palaruffini di Torino». Emozioni, applausi e tanto divertimento per i 49 alunni favriesi, che tra l’altro si sono fregiati di uno splendido terzo posto, per mezzo delle classi Prime.

Un progetto davvero riuscito, che è stato reso possibile per mezzo della disponibilità della professoressa Lucia Mattiello, la quale crede fortemente nella necessità di portare i ragazzi a conoscere altre discipline che permettano loro di avvicinarsi alla musica. Un doveroso grazie, poi, va all’insegnante di educazione fisica Silvia Corio, che ha sostenuto e supportato ragazzi ed insegnanti, oltre alla maestra Raffaella della «Soul Dancing», che insieme alla Provenzano hanno ideato le coreografie.

Leggi anche:  Colore e arte fa centro: un successo la mostra realizzata dai bimbi delle scuole

No al bullismo

Coreografie che si sono basate sul tema del «No al Bullismo», in modo anche da far recepire un messaggio serio ed importante nella società di oggi. «Come scuola di ballo – fanno inoltre sapere dalla Soul Dancing – ci siamo prestati, inoltre, volentieri con orari extrascolastici, mettendo a disposizione i nostri locali per la buona riuscita delle coreografie, in quanto le insegnanti hanno creduto in questi ragazzi. Nonostante molti di loro non avessero basi di danza, si sono impegnati con entusiasmo». Dall’istituto e dalla scuola di ballo, infine, un ulteriore grazie è stato rivolto a Francesco Musolino dell’«Esploratore Azzurro» di Busano, che ha realizzato le maglie e che anche lui, da sportivo, promuove molte iniziative per i ragazzi.