Mercoledì 4 settembre è stata posata, simbolicamente, la prima pietra del Centro di Ricerca per nuove Applicazioni dei Gas, nello stabilimento Siad di Osio Sopra, in provincia di Bergamo. Questo importante edificio verrà interamente realizzato da Soimar Group, società di ingegneria con sede a Caluso, nel Canavese, che segue tutto il progetto, dalle autorizzazioni alla realizzazione completa. Il nuovo laboratorio consentirà la produzione robotizzata delle miscele innovative di gas speciali per i campi alimentare, ambientale e medicale.

Il futuro dell’innovazione è made in Piemonte

«E’ una iniziativa importante per la nostra ricerca nelle applicazioni dei gas – ha spiegato Roberto Sestini, presidente del Gruppo Siad – Per la prima volta ci siamo avvalsi di un unico partner che si occupa dell’intera progettazione e realizzazione, permettendoci indubbiamente un risparmio di tempo».

«Siamo orgogliosi di essere stati scelti come partner unico per un progetto così innovativo – ha commentato Giulio Santin, presidente di Soimar Group – Ci proponiamo infatti come Epc (Engineering, Procurement, Construction) Contractor, in grado di realizzare progetti chiavi in mano, curando ogni aspetto dalla progettazione alla realizzazione».

Il nuovo centro di ricerca si contraddistingue per due aspetti innovativi: consentirà una produzione automatizzata e robotizzata di miscele di gas speciali, in ambienti altamente controllati e certificati Gmp che riproducono quelli dove verranno utilizzati i gas, in particolare nel settore medico e farmaceutico.

Giorgio Bissolotti, Bernardo Sestini, Giulio Santin, Roberto Sestini

Il nuovo Centro di Ricerca Siad, un progetto da 15 milioni di euro

Il nuovo Centro di Ricerca Siad, per un investimento totale di 15 milioni di euro, avrà una superficie di 2.600 metri quadrati e verrà completato entro la fine del 2020 per poter entrare in attività a inizio 2021. Al suo interno, tutto su un livello, oltre a uffici e sale riunioni, ci saranno laboratori di ricerca e sperimentazione per la produzione di nuove miscele e speciali applicazioni. Inoltre sarà dotato di una linea di produzione interamente robotizzata per la preparazione delle miscele di gas appositamente studiata per l’utilizzo nel campo medicinale, quindi prevedendo anche le fasi di sterilizzazione e di lavaggio delle bombole. Una vera innovazione, considerato che attualmente il riempimento delle bombole è un procedimento totalmente manuale. Il ruolo delle persone, però, resta fondamentale, hanno assicurato i vertici Siad, poiché servirà personale specializzato preposto alla gestione e al controllo delle macchine.

Siad, acronimo di Società italiana acetilene e derivati, è uno dei principali gruppi chimici italiani, con un valore di produzione di 674 milioni di euro nel 2018, 70mila clienti nel mondo e quasi 2mila dipendenti. Fondata a Bergamo nel 1927, oggi Siad è presente con sedi in Europa e nel mondo ed è attiva nei settori gas industriali, engineering, healthcare, gpl e gas naturale.

«Il progetto è frutto dell’accordo per l’innovazione tra il Ministero dello Sviluppo economico, la Regione Lombardia e Siad, finalizzato a sostenere il programma di investimenti attraverso il progetto denominato “prodotti gassosi per applicazioni terapeutiche, diagnostiche, alimentari e metrologiche innovative e relativi sistemi automatizzati di produzione, utilizzo e somministrazione”», ha ricordato Bernardo Sestini, amministratore delegato di Siad.

Soimar Group: impianti all’avanguardia chiavi in mano

Engineering, Procurement, Construction. Tre parole che descrivono la capacità di svolgere sia servizi di ingegneria, che di approvvigionamento dei materiali e di realizzazione dell’opera, e che rappresentano la mission di Soimar Group. Infatti, nell’ambito della gestione di progetti chiavi in mano o di singole attività richieste dal cliente, la società di Caluso è in grado di gestire tutte le fasi di ingegneria di sviluppo e assiste il cliente in ogni fase del progetto, sia che si tratti di nuovi impianti o di revamping. Partendo dalla progettazione e considerando tutte le attività specifiche dall’ingegneria al cantiere, Soimar gestisce tutte le fasi di progettazione e realizzazione di impianti altamente complessi.

Leggi anche:  Gli studenti del Botta partecipano a “adotti…AMO Burolo!”

La società nasce nel 2001 dall’idea dell’ingegnere Giulio Santin di realizzare impianti chiavi in mano, fornendo garanzie ai clienti sia nei tempi che nei costi e nel risultato. Partita da Caluso, nel Canavese, oggi Soimar ha una sede anche a Milano e uffici in Francia e Romania. E non è nuova a progetti ambiziosi: diverse le realizzazioni per i principali operatori nel settore farmaceutico e chimico, in Italia e all’estero (dalla Bielorussia fino alla Georgia negli Usa).

«Soimar nasce per la progettazione nel settore chimico, si specializza negli anni anche nell’ambito farmaceutico e oggi puntiamo agli impianti automatizzati e robotizzati – ha spiegato Santin – Infatti, nel 2020 acquisiremo una società produttrice di robot presente nel polo tecnologico di Bari». «Soimar è specializzata in diversi settori, per questo è in grado di fornire impianti chiavi in mano: dall’ingegneria alla costruzione, dagli impianti farmaceutici alle fonti energetiche rinnovabili, fino al trattamento dell’aria», ha aggiunto Santin.

Soimar appartiene alla holding Encon (con un fatturato complessivo di circa 50 milioni di euro), sempre di proprietà di Giulio Santin, a cui fanno capo altre società, tra le quali il gruppo Daroma, specializzato nella produzione di caffè torrefatto con marchi nazionali tra cui Palombini, Giovannini e Mexico.