Magneti Marelli. Si prosegue con i contratti di solidarietà alla Magneti Marelli. Verranno utilizzati solamente fino a settembre, poi dall’autunno è previsto un incremento di produzione che dovrebbe garantire la piena occupazione negli stabilimenti torinesi.

Magneti Marelli, proseguono i contratti di solidarietà

A rendere noto il ricorso ai contratti di solidarietà da parte di Fca negli stabilimenti Magneti Marelli è stata la Uilm. L’ufficialità si è avuta ieri, martedì 19 dicembre durante un’incontro dell’azienda con le organizzazioni sindacali. L’azienda ha però tenuto a precisare che il provvedimento sarà in essere fino a settembre 2018, a partire dal mese successivo è prevista una risalita della produttività, garanzia per riprendere la piena occupazione.

A San Benigno la produzione delle bocchette per l’aria della 500X

Allo stabilimento Pcma di San Benigno, che produce particolari in plastica e nel quale sono occupati circa 400 lavoratori, arriverà la commessa per la produzione delle bocchette per l’aria della 500X. Ad oggi la produzione di questi particolari avviene nello stabilimento polacco.
A Rivalta invece, che ospita la Sistemi Sospensioni che occupa 180 lavoratori, rientreranno delle lavorazioni di cataforesi in precedenza commissionate ai fornitori.

Leggi anche:  Terminali in ceramica, esposti a Castellamonte i progetti di Federica Jon

Il commento dei sindacati

Dario Basso, segretario della Uilm di Torino, e Francesco Citraro, responsabile Magneti Marelli per la Uilm dichiarano: “Ai lavoratori viene chiesto un nuovo sacrificio per nove mesi. Ci sono comunque attese positive per il secondo semestre del 2018, che auspichiamo vengano concretizzate anche attraverso una progressiva riduzione dei contratti di solidarietà. Serve ancora massima attenzione perché all’interno del gruppo Fca resta il problema dei 1.250 potenziali esuberi del Polo del lusso, per i quali al momento non vi sono certezze. È urgente un incontro specifico con l’azienda”.