A Favria, nell’ambito del progetto educativo-didattico intitolato «Noi… e il benessere» è stato ospite della scuola altocanavesana Adalberto Brach Del Prever, direttore del reparto di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale di Ciriè.

Noi… e il benessere

Un incontro, a scuola, con un importante medico, al fine di implementare il lavoro di ricerca condotto dagli studenti. E’ quello che ha coinvolto i giovanissimi alunni e le insegnanti dell’Istituto Comprensivo di Favria, che è stato inserito nell’ambito del progetto educativo-didattico intitolato «Noi… e il benessere». Ospite della scuola altocanavesana è stato Adalberto Brach Del Prever, direttore del reparto di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale di Ciriè, il quale ha accettato con entusiasmo di intervenire nell’ambito di questa iniziativa, basata in parte su di un progetto ludico-ricreativo proposto dall’associazione di volontariato «Ospedale Dolce Casa-Onlus», la quale è presente proprio presso il reparto di pediatria ciriacese.

Progetto Orso dottore

Al centro del Progetto “Noi… e il benessere” c’è il personaggio dell’«Orso Dottore», che trascorre gran parte del suo tempo in compagnia dei piccoli pazienti. Presenza che riveste un ruolo importante per tutti i giovanissimi accolti, in quanto permette loro di giocare anche durante la malattia e l’esperienza di ospedalizzazione. Per quanto concerne la proposta educativa, che è stata rivolta in questo caso ai bambini della scuola dell’infanzia favriese, ha permesso alle insegnanti di condividere obiettivi comuni con l’«Ospedale Dolce Casa-Onlus» .

Leggi anche:  Crisi Pernigotti, accordo raggiunto: la produzione rimane a Novi

Brach del Prever

«In questo modo – fanno sapere dall’istituto – sono state trasmesse ai piccoli alunni norme comportamentali indispensabili per la cura ed il benessere della propria persona. Inoltre, “Orso Dottore” ha rappresentato simbolicamente la figura del medico, protettiva e accogliente». Infine, l’uscita con Brach del Prever si è rivelata davvero una piacevole occasione d’incontro con i più piccoli, nonché l’opportunità di concludere nella maniera migliore un percorso, il quale senza dubbio in futuro darà importanti riscontri.