Un percorso di educazione alimentare al via nelle scuole di San Benigno: coinvolti oltre 400 studenti di tutte le Scuole dell’Infanzia, Primaria e Secondaria del paese.

Educazione alimentare

È partito da pochi giorni “Il giro del mondo in 8 menu”: si tratta infatti di un nuovo progetto di educazione alimentare, ispirato al capolavoro di Jules Verne “Il giro del mondo in 80 giorni”. Nasce dalla collaborazione tra l’Amministrazione Comunale di San Benigno Canavese e Elior, la società che si occupa della ristorazione nelle scuole locali. L’attività permette di scoprire sapori provenienti da culture diverse, ma anche di rivivere le atmosfere e le sensazioni del grande classico francese. Gli oltre 400 alunni di tutte le scuole, dall’Infanzia alla Secondaria di primo grado, sono coinvolti con modi e difficoltà diversi: i più piccoli affrontano l’argomento in maniera più giocosa, mentre gli alunni più grandi partecipano ad attività didattiche e letture dei brani più salienti del romanzo.

Il giro del mondo in 8 menu

Come per Phileas Fogg, il protagonista del libro, gli studenti ripercorrono, con il progetto di educazione alimentare, le tappe di questa avventura viaggiando all’interno dei sapori di Gran Bretagna, Italia, Egitto, India, Cina, Giappone e USA, da San Francisco a New York City. Il primo appuntamento ha portato i ragazzi nella Londra della Seconda Rivoluzione Industriale con un menu dal gusto tipicamente british: carrot’s soup, fish and chips e apricot tart. I prossimi menu saranno preparati in occasioni di festività e momenti speciali dell’anno.

Leggi anche:  Mathi, refettorio scuola: 150 ditte candidate per costruirlo

Le parole del sindaco

“Un’iniziativa originale che invita i nostri ragazzi a confrontarsi con nuove realtà sia sul piano dell’educazione alimentare sia sul piano culturale” commenta Maura Geminiani, Sindaco di San Benigno Canavese. “Ripercorrere le tappe del romanzo con menu dedicati è un modo per coinvolgere direttamente gli studenti e renderli protagonisti di un viaggio culinario e letterario”. Il progetto rientra nel programma multidisciplinare per le scuole di Elior, che ogni giorno prepara circa 420 pasti nel Comune di San Benigno Canavese. Le attività sono realizzate con la collaborazione di Fabio Colasante coordinator Elior, della dietista Katia Di Buono e coordinate da Claudia Saroni, Responsabile dell’educazione alimentare del Gruppo.