A Caselle si litiga per l’area cani. Situata in via Venaria. I consiglieri pentastellati interrogano la maggioranza.

Area cani: modalità di concessione

Il Movimento Cinque Stelle solleva dei dubbi. La gestione dell’area non convince. Si vogliono conoscere le modalità d’affido. Dichiara il consigliere Andrea Dolfi: “L’affido è in linea con la normativa? Ci sono stati degli spostamenti che non comprendiamo”. La recinzione dell’area i cani grandi ha perso 60 metri. A favore dell’agility a pagamento. Restringendo la zona di libero accesso. Il nuovo fabbricato non appare un capanno. Ma piuttosto un ufficio. Le fontanelle sono continuamente piene di sabbia.

Corsi a pagamento? Ok

Replica l’assessore Giovanni Isabella: “Si è concesso al gestore di svolgere dei corsi a pagamento. Per rientrare dei costi di manutenzione. Altrimenti nessuno avrebbe accettato”. L’area è stata inaugurata a febbraio del 2018. Il primo bando è andato deserto. Al secondo tentativo si sono invitate una decina d’ associazioni. Fissando un costo annuo di gestione. Impegnando ad applicare il 10% di sconto ai casellesi.

Leggi anche:  Decoro aree pubbliche a Favria, la "guerra delle erbacce" arriva in Consiglio

Spostamenti autorizzati

Osserva Isabella: “L’area per i cani di grande taglia era così solo a Caselle. Certo, è stata ridotta ma non si è evidenziato che se ne sono create due laterali”. Le zone per suddividere gli amici a quattro zampe sono quattro. Recintate e sotto controllo. La casetta per gli attrezzi è stata autorizzata.