Cambio in giunta a Cuorgné: Carmelo Russo Testagrossa sarà il nuovo assessore allo Sviluppo Sostenibile e al Commercio. Sostituisce Mauro Fava.

Cambio in giunta

L’ultimo consiglio comunale di Cuorgnè, andato in scena mercoledì 26 giugno, si è aperto con un’importante novità. Cambio, infatti, nella composizione della giunta Pezzetto. L’ingegnere Carmelo Russo Testagrossa sostituisce Mauro Fava come assessore. Un rimpasto necessario dopo la nomina a consigliere regionale di Fava.

Incompatibilità del doppio ruolo

«La norma prevede l’incompatibilità del doppio ruolo di Assessore e Consigliere Regionale – ha sottolineato in assise civica il sindaco Giuseppe Pezzetto – Quindi, abbiamo, di comune accordo, provveduto nei termini di legge alla sostituzione. Un doveroso ringraziamento a Mauro per il lavoro svolto in questi anni. Un grazie anche perché ha accettato comunque di continuare a far parte della compagine come consigliere garantendo il suo prezioso supporto. A lui rivolgiamo un augurio per il nuovo importante ruolo che sono certo porterà concreti benefici. Da sempre sostengo la necessità di avere riferimenti nelle varie Istituzioni capaci di supportare la comunità canavesana, donne e uomini che mettano al primo posto l’appartenenza ad un territorio a prescindere dallo schieramento politico, Mauro Fava ha dimostrato di saperlo fare e i cittadini l’hanno premiato».

Leggi anche:  Cena che fa bene: raccolti più di 6mila euro a Cuorgné

Le deleghe

Carmelo Russo Testagrossa si occuperà di: Sviluppo sostenibile (industria – turismo – artigianato – agricoltura – raccolta rifiuti – sicurezza urbana – protezione civile – manifestazioni commerciali) e di commercio. «Un doveroso ringraziamento al neo Assessore Carmelo Russo per aver accettato l’incarico e per aver supportato sia nella passata che nell’attuale amministrazione le azioni messe in atto dalla maggioranza – ha aggiunto Pezzetto – Sono certo che dall’alto della sua esperienza farà bene. Prendendoci il tempo necessario valuteremo poi come gruppo l’eventuale rimodulazione delle deleghe, in modo tale che in base all’esperienza maturata e alle attitudini dei singoli la squadra possa portare a termine il proprio mandato nel modo migliore, e chissà, questo è il mio augurio, che questa esperienza di graduale crescita possa preparare in modo adeguato gli amministratori che verranno. Mauro Fava è sicuramente un esempio concreto di questo percorso».