Comune di Borgaro condannato: pagherà 8 mila euro per condotta anti-sindacale. La minoranza consiliare protesta.

Comune di Borgaro condannato

Il tribunale del lavoro ha condannato il Comune a maggio 2019. Il motivo è stato lo sciopero della Polizia Locale. L’anno scorso gli agenti avevano richiesto la mobilità per tensioni con il comandante Massimo Linarello. L’Amministrazione aveva negato il nulla osta. Quindi le rivendicazioni dei dipendenti sono state raccolte dal sindacato Diccap. Sono stati indette due agitazioni. A seguito del primo sciopero il comandante Linarello aveva pubblicato un comunicato sulla pagina facebook istituzionale. Il contenuto del messaggio era considerato anti-sindacale. Il palazzo civico è stato così costretto a rifondere le spese legali al sindacato.

Debito fuori bilancio

Il consiglio comunale è stato obbligato a dichiarare un debito fuori bilancio di 8 mila euro. Cioè non preventivato. Ha affermato infatti il sindaco Claudio Gambino: “I soldi verranno prelevati dall’avanzo d’amministrazione, senza intaccare altri capitoli di spesa del bilancio corrente”.

Leggi anche:  Tutti i piemontesi della nuova squadra di Governo

Contrattazione naufragata

Ha sostenuto il consigliere di opposizione Marco Latella: “Queste spese dovevano essere previste e si dovevano prelevare dal fondo contenziosi. Ci sono stati tentativi di contrattazione ma sono subito naufragati”. Secondo la minoranza il primo cittadino avrebbe dovuto mediare.