Ddl rifiuti Piemonte, Lega nord preoccupata dal disegno di legge sulla gestione dei rifiuti che sarà discusso nelle prossime settimane in Consiglio.

Ddl rifiuti Piemonte, critica la Lega

La Lega Nord, attraverso un comunicato stampa esprime le sue perplessità sul disegno di legge sulla gestione dei rifiuti. Il ddl porterebbe, secondo il Carroccio, alla perdita da parte delle amministrazioni locali di ogni autorità e potere decisionale a vantaggio del capoluogo. Questo comporterebbe costi maggiorati per un servizio peggiore. La Lega annuncia battaglia in Consiglio perchè la legge mostri maggiore attenzione alle piccole realtà locali.

Le dichiarazioni

“E’ una legge sbagliata, – spiega il segretario provinciale del Carroccio, Cesare Pianasso – perché toglie ogni potere ai nostri Comuni e al nostro territorio, accorpando tutti i consorzi in due grosse entità. Una per Torino città e l’altra per il resto della Provincia. Non è difficile immaginare chi avrà più peso nel nuovo consorzio, se le tante piccole Amministrazioni delle nostre valli, o il singolo grande Comune dell’hinterland torinese “.

Leggi anche:  Fava: "Sui bus sovraffollati serve maggiore collaborazione dagli amministratori locali"

La mozione del sindaco di Ozegna

Il Carroccio, si legge sempre nella nota, sostiene la mozione del sindaco di Ozegna, Sergio Bartoli e confida che venga condivisa e votata da molte altre Amministrazioni. Pianasso conclude: “Questo disegno di legge non è che l’ennesima dimostrazione della scarsa considerazione in cui il Canavese è tenuto dalla Giunta regionale, che verrà ricordata come una delle peggiori. Per fortuna si avvia alla fine del suo mandato”.