Fusione dei Comuni, il fondo di 30 milioni di euro è in discussione in parlamento all’interno della legge di Bilancio. Perinetti: “Il PD rimedia agli errori del Governo gialloverde”.

Fusione dei Comuni

Una delle novità più significative della Legge di Bilancio in discussione in Parlamento in queste ore per gli amministratori è che sarà ripristinato il fondo di 30 milioni di euro aggiuntivi destinati ai Comuni che hanno completato l’iter della fusione. E proprio su questo argomento interviene Maurizio Perinetti, consigliere comunale del PD a Ivrea.

Questione di credibilità…

“Viene così sterilizzato il taglio fatto dal Governo precedente – commenta Perinetti – Un taglio che abbiamo combattuto, avendolo giudicato doppiamente grave: prima di tutto, perché disincentiva operazioni coraggiose come le fusioni, che peraltro in Piemonte hanno ottenuto un certo successo (come la storia di Valdilana, nel Biellese, dimostra); in secondo luogo, perché uno Stato che cambia in corsa le regole perde di credibilità agli occhi dei cittadini e degli amministratori locali”.

Leggi anche:  “La nuova proposta di legge della Regione Piemonte contro i campi rom è razzista e illegale”

Questioni di bilancio

“Se i Comuni hanno realizzato una determinata operazione sapendo di poter mettere in bilancio un certo ammontare – prosegue Perinetti – toccare quelle risorse più tardi significa mettere in difficoltà un’intera comunità che su quei fondi aveva fatto affidamento. Ricordo che l’opposizione a questo taglio è stata condotta innanzitutto da sindaci del nostro territorio. Noi del PD abbiamo fatto la nostra parte, sia sul territorio sia con i parlamentari, per ottenere questo che consideriamo senz’altro un bel risultato. Dalla parte dei territori non a chiacchiere, ma con i fatti”.