Ivrea un anno dopo le elezioni il bilancio del M5S.

Ivrea un anno dopo le elezioni

A un anno dalle elezioni di Ivrea ecco il bilancio del M5S, dichiarato dal capogruppo Massimo Fresc. “Sono all’ordine del giorno del prossimo consiglio del 22 luglio un interpellanza relativa al ruolo di Ivrea nell’associazione della via Francigena europea, una mozione sulla Fondazione Guelpa dove ancora una volta cerchiamo di far riconoscere il ruolo centrale che il Consiglio comunale deve esercitare sulla programmazione delle attività di promozione culturale, una seconda mozione relativa all’attuazione del piano di gestione di Ivrea Patrimonio Mondiale e una terza che chiede l’approvazione di uno studio preliminare sulle soluzioni e i relativi costi per il recupero della “Sala a Cupola” presso ex Centro congressi La Serra”.

Gli altri impegni

Eletto presidente della commissione che si occupa del lavoro, della formazione e delle attività produttive Fresc spiega i temi affrontati:  regolamento dei mercati occasionali; il progetto, per ora fermato, di realizzare un supermercato nella zona del Patrimonio Mondiale; ho informato i consiglieri sul lavori che ho seguito con i commercianti del mercato per arrivare ad una sua riorganizzazione e le attività legate all’imminente costituzione della Consulta dei commercianti della città; recentemente, al fine di rendere disponibili attività legate al Reddito di cittadinanza, ho coinvolto nel lavoro della commissione il Consorzio In Rete e il Centro per l’impiego di Ivrea.

Leggi anche:  Condotta anti sindacale, Comune di Borgaro condannato

I servizi sociali

“È stata approvata la nostra mozione che chiedeva l’istituzione di una commissione che si occupasse di studiare e favorire il miglioramento dei servizi offerti dall’ospedale di Ivrea, ho potuto recentemente seguire i primi lavori di questa nuova commissione di cui faccio parte – prosegue Fresc – Abbiamo ritenuto necessario ampliare le relazioni del Movimento 5 Stelle di Ivrea con gli altri gruppi ritenendo fondamentale la conoscenza e la collaborazione. Abbiamo organizzato e partecipato a riunioni con gruppi del Canavese e del Ciriacese, arrivando a conoscere ed a istaurare rapporti con diversi Consiglieri comunali del Movimento e attivisti del territorio. Sono stati molto utili i tre incontri con i portavoce e gli attivisti della Valle d’Aosta con i quali condividiamo progetti relativi all’ambiente e al sistema dei trasporti”.