Lega Rivarolo in piazza domenica scorsa a sostegno del suo leader Matteo Salvini.

Lega Rivarolo in piazza per Salvini

Nell’attesa di conoscere il nome del candidato a sindaco, la Lega tira dritto per la sua strada. E quella strada porta a Rivarolo, dove domenica scorsa i rappresentanti del Carroccio hanno montato il loro gazebo e raccolto firme pro-Salvini, in sostegno cioè del loro leader a rischio processo (al Tribunale dei Ministri) per la questione dei migranti «sequestrati» (secondo l’accusa) in mare aperto.

Cosa succederà in Canavese?

Occasione buona per rimarcare anche la presenza della Lega sul territorio, dove tra comunali e regionali c’è molta curiosità per capire se gli indici di gradimento sono quelli di dieci anni fa, quando in Canavese spopolava. Ed è per questo motivo che Paolo Frijia, segretario locale della Lega, sta studiando come giocare bene le sue carte. A livello comunale che regionale.

Le dinamiche rivarolesi

«Non c’è nulla di deciso – taglia certo sull’argomento – credo però che per la fine della settimana, a livello rivarolese, sapremo molto di più». Il gruppo è al lavoro e in caso di defezione di Alberto Rostagno, ormai probabile, non è escluso che il carroccio avanzi qualche pretesa. Nel senso. Se Mauro Fava, assessore cuorgnetese lanciatissimo in Città Metropolitana, vincesse il ballottaggio con Claudio Leone per un posto in lista alle regionali, non è da escludere che l’attuale assessore al commercio di Rivarolo proponga la sua candidatura per guidare la città. Nel frattempo, però, la Lega si gode le quasi 10.000 firme raccolte per il suo Matteo nell’Alto Canavese.