Mazza replica ai dimissionari della giunta dopo le polemiche a Castellamonte.

Mazza replica

Il sindaco di Castellamont Pasquale Mazza replica ai dimissionari della giunta. Tutto il gruppo consiliare di maggioranza ha appreso con dispiacere e soprattutto con una profonda delusione la notizia relativa la remissione delle deleghe da parte di Maria Luisa Villirillo ed Andrea Ertola. La delusione è innanzitutto umana, per l’abbandono senza richieste di confronto, senza possibilità di contraddittorio, di un progetto in cui noi ancora crediamo.

La delusione

Delusione anche istituzionale, per la fiducia che gli elettori hanno concesso il giorno delle elezioni ad entrambi, fiducia che purtroppo è stata disattesa con la rinuncia all”assunzione delle proprie responsabilità. Per coloro i quali paventano un “terremoto” istituzionale vogliamo dire che tale decisione non fa altro che rafforzare ulteriormente l’unione di un gruppo composto da persone che si sono sempre impegnate alacremente per il bene del Comune di Castellamonte.

Le dimissioni

Sull’operato di chi ha rimesso le deleghe non esprimiamo opinioni, saranno altri che potranno giudicare il loro percorso, così come quello dell’intero gruppo eletto. Quello che possiamo dire è che, Villirillo ed Ertola, hanno percorso sentieri diversi e molto diverso è stato il lavoro profuso in questi mesi. Diversi sono stati gli obiettivi prefissati e raggiunti. È alquanto strano che i due abbiano rimesso le deleghe adducendo identiche motivazioni.

Leggi anche:  Contro il decreto Pillon l'azione del Pd di Ivrea

Beghe di palazzo

Abbiamo la convinzione che la popolazione non sia interessata alle “beghe di palazzo”, ma abbia affidato a tutti noi il compito di amministrare e migliorare questo Comune. Continueremo a lavorare, rispondendo con i fatti alle critiche. Siamo pertanto determinati a portare sino in fondo gli obiettivi che ci siamo prefissati e per i quali abbiamo richiesto e ottenuto la fiducia dei Cittadini di Castellamonte.