Dopo circa quattro mesi di presenze in aula i parlamentari canavesani, e quelli piemontesi in generale, si affermano assidui frequentatori di Montecitorio e Palazzo Madama.

Parlamentari canavesani

I canavesani eletti alla Camera e al Senato lo scorso 4 marzo vantano un elevato numero di presenze durante le votazioni, con percentuali che in alcuni casi raggiungono persino il 100%. I dati sono quelli ufficiali riportati OpenParlamento.
Dunque nulla a che vedere con la vicenda del parlamentare 5 Stelle frequentatore più degli yacht e della bella vita che degli scranni parlamentari raccontata sulle pagine del Corriere della Sera.

Alla Camera dei deputati

Primo della classe alla Camera è senza dubbio Alessandro Giglio Vigna, eporediese e vice-segretario regionale della Lega. Il deputato leghista, alla prima esperienza in parlamento, vanta sinora il 100% delle presenze durante le votazioni: 220 su 220. Segue a ruota la barbaniese Francesca Bonomo (PD) con il 99,09% di presenze (solamente due le assenze). Terzo e ultimo dei nostri parlamentari il venariese Alessandro Benvenuto (Lega) con l’83,64% dei voti, assente però solamente 4 volte (1,82%), le restanti 32 “assenze” sono infatti dovute a missioni.

Leggi anche:  Il ministro Salvini scrive a Il Canavese: “Noi siamo passati dalle parole ai fatti”

Al Senato della Repubblica

Al Senato sono solamente due i rappresentanti canavesani: l’eporediese Virginia Tiraboschi (Forza Italia) e il prascorsanese Cesare Pianasso (segretario provinciale del Carroccio).
La Tiraboschi è stata presente al 98,51% di votazioni, ovvero 3 assenze su 201. Pianasso invece si ferma al 92,04% (185 votazioni su 201) ma restante 7,96% è dovuto a missioni.