Affluenza da record a Torino per l’appuntamento con le Sardine in piazza Castello, con loro, sul palco, anche Niccolò Pagani, il campione de L’Eredità che aveva commosso tutti con la sua lettera d’addio al programma.

Sardine in piazza Castello

E’ stata superata la soglia delle 25mila persone che le Sardine di Torino avevano promesso per l’appuntamento di questa sera, 10 dicembre, in piazza Castello a Torino. L’affluenza per l’evento organizzato nel centro storico del capoluogo ha superato di alcune migliaia di persone le aspettative degli organizzatori. Fino a superare, secondo i primi dati, la soglia delle 30mila persone che hanno invaso la piazza del centro storico cittadino.

Fra loro anche Niccolò Pagani

In mezzo alle sardine torinesi in piazza Castello anche Niccolò Pagani, il professore di italiano, storia e geografia presso l’istituto Salesiani Don Bosco di San Benigno, campione de L’Eredità che ha commosso il pubblico con una bellissima lettera di addio al programma per tornare dai suoi ragazzi. “Sono qui per dire che il linguaggio della politica di oggi non risponde a ciò che chiedono i cittadini, le persone normali. Io sono solo un megafono, una sardina in mezzo a tanti altri”.

Leggi anche:  Sardine a Torino stasera, il canavesano prof de L'Eredità scrive una lettera di sostegno

LEGGI ANCHE: Sardine a Torino stasera, il canavesano prof de L’Eredità scrive una lettera di sostegno

Un fiume colorato di persone

In una piazza Castello gremita di colori, cartelloni e striscioni, si sono dati appuntamento a migliaia. Una manifestazione pacifica, durante la quale non si sono registrati momenti di tensione. I manifestanti hanno invaso la piazza pacificamente e hanno mantenuto fede alla promessa di una manifestazione “costruttiva”.

Cartelloni, canti e balli

“Bella Ciao” e altri canti intonati in piazza, cartelloni a forma di sardina, balli. Un vero e proprio clima di festa e condivisione che ha travolto la piazza torinese. E’ questo il contesto della manifestazione delle Sardine torinesi che, già nelle scorse settimane, avevano lanciato un vero e proprio appello per la massima partecipazione. Oltre che da Torino i manifestanti sono arrivati da moltissimi comuni dell’hinterland torinese.