Il presidente UNCEM Marco Bussone chiede attenzione sulla direttiva del 18 luglio 2017 che rischia di creare non pochi disagi alle manifestazioni del territorio.

UNCEM Marco Bussone scrive al Governo

Con una lettera indirizzata al Ministro dell’interno Matteo Salvini, ai sottosegretari del Ministero dell’interno Stefano Candiani, Luigi Gaetti, Nicola Molteni e Carlo Sibilia, al capo della polizia Franco Gabrielli, al capo del dipartimento Nazionale della Protezione Civile Angelo Borrelli, al presidente nazionale Unpli Antonino La Spina, al vice presidente Nazionale Unpli Giuliano De Giovanni, il presidente UNCEM Marco Bussone chiede che la circolare Gabrielli venga modificata.

I disagi della circolare Gabrielli

Il regolamento tanto discusso sulle sicurezza durante le manifestazioni pubbliche sta infatti facendo una strage: molti eventi vengono annullati per la difficoltà a rispettare tutte le norme imposte dalla circolare. Tutto questo ha spesso gravi conseguenze sull’immagine del territorio e soprattutto sul turismo locale. Non solo: lo scorso 18 luglio, infatti è stata diramata una nuova direttiva che non interviene sulla questione di costi e responsabilità per il Comune durante questi eventi, cosa invece ritenuta necessaria da Uncem.

Il testo della lettera

A nome dei Sindaci e degli Amministratori dei Comuni montani che Uncem rappresenta, intendo con questa mia sottoporre alle Sig.rie Vostre alcune considerazioni relative alle integrazioni apportate alla Circolare Gabrielli con la nuova Direttiva emanata dal Ministero dell’Interno il 18 luglio 2018.
Il documento non risulta intervenga per sgravare i Sindaci e le Amministrazioni comunali di costi e responsabilità, lasciando in capo a loro complesse scelte. La Direttiva del Ministero impone comunque agli organizzatori degli eventi di redigere piani, procedure, e di avere una presenza negli eventi di personale qualificato. I margini di interpretazione e le responsabilità per chi decide – i Sindaci – con il nuovo documento, diventano ancora più ampi. Si ritengono urgenti ulteriori chiarimenti in merito, al fine di definire modalità di applicazione delle procedure aggiunte a quelle vigenti.
Si ritiene di portare alla Vostra attenzione anche la necessità di individuare sgravi e agevolazioni per gli Enti locali che devono redigere piani per la sicurezza, con l’individuazione dei relativi costi al di fuori del pareggio di bilancio. Un analogo provvedimento potrebbe riguardare investimenti e interventi per la protezione civile e per la messa in sicurezza del territorio.
Uncem, come già espresso nella nota a Voi trasmessa il 16 luglio 2018, conferma la massima disponibilità alla partecipazione a un tavolo di analisi e approfondimento delle problematiche e delle necessità relative all’applicazione dei provvedimenti per la safety e la security di eventi e manifestazioni.