Amarezza Brb Ivrea: lo scudetto 2019 sfugge all’ultima giocata. Ha vinto la Perosina.

Amarezza Brb Ivrea: lo scudetto 2019 sfugge all’ultima giocata

Alla fine la Brb Ivrea deve piegarsi ed «accontentarsi» della seconda piazza a livello tricolore, dopo l’intenso fine settimana di gare che si è svolto ad Alassio. I canavesano sono stati costretti a cedere lo scettro ai rivali de La Perosina dopo una partita tiratissima. Quando il 13 pari, nella fase finale del match, sembrava cosa fatta e già si pregustavano gli spareggi, una giocata incolore del duo composto da Bruzzone (che falliva il pallino partita) e Grattapaglia faceva sì che Longo trovasse invece il punto che, di fatto, ha permesso alla compagine avversaria di spingersi sul 14-12, facendo proprio lo «scudetto» 2019.

In semifinale gli eporediesi avevano battuto la Borgonese

Ma andiamo con ordine: in semifinale gli eporediesi concedevano pochissimo alla Borgonese, uscita sconfitta per 23-3. I nostri lasciavano ai rivali due punti nella navetta, con Borcnic-Ferrero sconfitti da Petric-Ortolano per 55 a 51 (il punteggio era di 8-0 in quel momento), mentre Janzic pareggiava con Cavallo per 9 a 9, fissando appunto il riscontro finale. Il confronto decisivo per la medaglia d’oro era ben altra storia. Partiva male Bruzzone nel combinato, ko 13 a 25 contro Koziec, mentre la coppia Ballabene-Janzic impattava 7-7 con Longo e Pastre. Grosso nell’individuale alzava bandiera bianca per 7-0 con Nari, però la Brb si rifaceva con la terna Ferrero-Deregibus-Cavagnaro, brava ad imporsi 7 a 4 su Feruglio-Melignano-Collet. Nella staffetta splendida prova di Ferrero-Borcnic, capaci di fissare il punteggio sul 55 a 49 su Brnic-Longo.

Leggi anche:  Maggioni Righi: il Borgaro ferma i campioni in carica

Emozioni a non finire nell’ultima fase della gara decisiva

Ai tiri di precisione si arrivava sul 5-5, ma qui si registrava la prova incolore di Janzic (10 a 20 con Koziec) e quella poco felice di Grosso (22 a 24 subito da Feruglio). I 5 punti complessivi ceduti in questo frangente si sono alla fine rivelati decisivi. Stop di Borcnic contro Brnic (punteggio di 44 a 46), mentre Ferrero col medesimo risultato lascia spazio a Micheletti. In ritardo di 8 lunghezze, la Brb va all’ultimo turno tradizione tirando fuori gli attributi. Ballabene fa suo l’individuale per 13 a 6 con Melignano, quindi Janzic sconfigge 10 a 8 Koziec, poi il duo Deregibus-Grosso piega 7 a 3 Feruglio-Pastre. Fatale, come anticipato, l’ultima sfida di coppia, con Grattapaglia-Bruzzone che gettano al vento il vantaggio di 7-2 e impattando 7-7, regalando di fatto il tricolore ai rivali.