Canavesani in evidenza nel cross di Cortenova: Morini è secondo. Ottimo risultato per la Rappresentativa.

Canavesani in evidenza nel cross di Cortenova: Morini è secondo

La gara di Cortenova, un cross «vero» per chi ama la disciplina, ha rappresentato un test molto probante per i ragazzi del polo Bairese della Canavese 2005 che vi hanno preso parte. Vestendo la casacca della Rappresentativa Provinciale Torinese, il quintetto che sta crescendo in seno alla Polisportiva, la quale è una delle «costole» del team Fidal, ha vissuto una bellissima esperienza sotto il punto di vista umano ed agonistico. Per di più dando un contributo enorme alla propria compagine, una delle 12 ai nastri di partenza vicino a Lecco, che ha conquistato un più che lusinghiero 6° posto.

Plausi meritati per i nostri ragazzi in gara

Applausi meritati, quindi, per Alessandro Morini, categoria Ragazzi (classe 2006), come del resto per Stefano Perardi (nato invece, nel 2007), per le Ragazze Denise Cravetto (2007) e Vittoria Bonaudo (2006), infine per la Cadetta Fatima Chatubi, classe 2005. Il riscontro migliore è stato quello centrato a Morini, che ha chiuso in seconda posizione, ad una manciata di secondi dal vincitore. «Va detto che su di un bel tracciato come questo, in un posto splendido ed un fondo ideale per la corsa fuori strada, Alessandro si è comportato molto bene – dice Manuela Enrietto, che segue i ragazzi a bordo pista – Ha lottato per la vittoria, cedendo per pochissimo, ma dando una bella dimostrazione di forza e correndo commettendo davvero pochissimi errori».

Leggi anche:  La prima Onion Cup è stata vinta da I Carrelli

Una bella esperienza in una competizione di ottimo livello

Anche il resto dei ragazzi canavesani si sono ben comportati: «Sottolineerei che tutti i nostri cinque alfieri hanno vissuto una bella esperienza e dato il proprio contributo. Che è un risultato importante, dato che ogni singolo punto conquistato ha permesso alla nostra Provincia di migliorare di due posizioni il risultato del 2018, salendo al sesto posto. Un riscontro che è davvero una bella iniezione di fiducia per il nostro gruppo, il quale sta lavorando sodo e che sta cercando di far capire ai ragazzi l’importanza di un percorso da seguire, per maturare sotto tutti gli aspetti».