Celestino quinto in Malesia, Vietti Ramus protagonista a Sepang

Celestino quinto in Malesia

All’inizio dell’ultimo giro del GP a Sepang, il giovane talento delle due ruote canavesano era primo. Guidava il gruppo di testa. Il tutto grazie ad una condotta di gara (quasi) perfetta che gli ha permesso di stare nel gruppo dei più forti per l’intera gara, ma per il pilota dello Sky Racing Team VR46 taglia, alla fine sarà quinto posto in volata. 19esima casella, invece, per il compagno di squadra Dennis Foggia.

Sempre davanti

Sepang, in Malesia, domenica 3 novembre 2019. Al semaforo verde Celestino è nel gruppo di testa dalla prima all’ultima curva, in lotta per la vittoria fin sul traguardo, aggressivo e preciso nei sorpassi, questo è il GP della Malesia di Celestino Vietti Ramus.

Impone il suo ritmo

Quinto sullo schieramento di partenza, dopo le prime concitate fasi in bagarre, il pilota dello Sky Racing Team VR46 ha tenuto il contatto con i più forti e ha imposto il suo ritmo per oltre tre quarti di gara. Primo al via dell’ultimo giro, ha tentato di allungare, ma un piccolo errore lo ha costretto ai piedi del podio in quinta posizione. Con i punti conquistati oggi, conferma la sua leadership tra i rookie (127 punti ndr). Weekend difficile, invece, per Dennis Foggia che scattava dalla seconda metà della griglia. Taglia il traguardo al 19esimo posto.

Leggi anche:  Celestino Vietti Ramus rookie dell'anno con l'ottavo posto di Valencia

A fine gara

“Sono sicuro che tra qualche ora realizzerò quanto mostrato oggi in gara e sarò felice”. Ha dichiarato a fine gara Celestino Vietti Ramus. “Ma adesso è difficile perché questo finale mi lascia l’amaro in bocca. Sono partito forte, il feeling con la moto era perfetto, sono riuscito a gestire bene e a guidare come volevo. Il Team ha fatto come sempre un lavoro incredibile e mi dispiace davvero. L’ultimo giro ho provato ad andare via, ho commesso un piccolo errore tra la curva 7 e 8, ma sono riuscito a recuperare. Arrivati alla 10, Arenas è caduto davanti a me e ho perso terreno sul rettilineo finale”.