Coppa Europa di bocce: che spettacolo a Salassa nell’incontro tra i padroni di casa della Brb Ivrea e il Cro Lyon, dopo che l’andata si era chiusa con la vittoria dei francesi per 12 a 10.

Coppa Europa di bocce

Grande spettacolo al bocciodromo di Salassa, nell’incontro di ritorno di Coppa Europa di bocce, tra i padroni di casa della Brb Ivrea e il Cro Lyon, dopo che l’andata si era chiusa con la vittoria dei francesi per 12 a 10. Come già nell’incontro in terra transalpina, pure in quello di sabato scorso in Canavese è risultato sempre in bilico, con giocate spettacolari da entrambe le parti.

La sfida

Partono bene gli ospiti, che in staffetta con i fratelli Matteo e Simone Mana fanno segnare il record del mondo (da omologare), con 60 bocce colpite su 61 tirate. Di tutto rispetto anche la prestazione dei ragazzi eporediesi Ferrero e Borcinik, fermatisi a 58 bocce centrate. Gigi Gattapaglia, nel tiro di precisione, si impone su Grail per 18 a 12, mentre soccombe Janzic, battuto da Majorel 26-11. Quindi Grosso, con una prova maiuscola nel combinato, sconfigge Simone Mana 29-22. Si rivela uno spettacolo il combinato tra Deregibus (con un Fabrizio in grande spolvero) e Matteo Mana, archiviato sul 27 a 27. Si rivela invece decisiva la vittoria di Alex Borcnik per 44 a 36 su Durand, mentre a sigillare il vantaggio di due punti per l’Ivrea ci pensa Lele Ferrero, il quale nella seconda navetta (con l’ultima bocciata sbagliata da Marcon) impatta 41 pari. Sul risultato di 8-6 si va all’ultimo turno tradizionale: inarrestabile la coppia formata da Janzic e Carlo Ballabene, capace di vincere per 13 a 0 su Simone Mana-Alcaraz. Altrettanto lo fa la terna Deregibus (straordinario)-Cavagnaro-Ferrero, che sconfigge per 13-11 Jarris-Perras(Duran)-Grail, portando a casa i punti della vittoria dell’incontro.

Leggi anche:  Gianferr volley: il mini volley è un fiore all'occhiello!

Gli spareggi al pallino

Acquisito il risultato, i due giochi ancora in corsa si fermano. Si è andati così agli spareggi al pallino, 3 per squadra in accosto e tre in bocciata. Equilibrio tra i due sodalizi sino all’ultima bocciata di Emanuele Ferrero, che ha colpito il pallino per il definitivo 4 a 3 che ha aperto le porte al turno successivo. Negli accosti la Brb Ivrea è andata a segno con Cavagnaro-Deregibus-Carlo Ballabene, mentre il Cro Lyon ha colto il bersaglio con Jarris-Amar, sbagliando invece con Simone Mana. Nella bocciata sul pallino hanno sbagliato Grosso e Janzic per la Brb, Grail e Majorel invece per i francesi. A chiudere la sfida Matteo Mana per il 3 pari, quindi la bocciata di Ferrero, che con il suo colpo ha sancito il definitivo 4 a 3.

Il derby

Soddisfatta per il risultato colto, la Brb è stata parzialmente «raffreddata» dalla notizia del sorteggio relativo ai quarti di finale, dove si giocherà il derby (già finale per il titolo tricolore) tra Ivrea e Perosina Boulenciel. Match di andata già il prossimo 18 maggio a Salassa, ritorno il 1 giugno a Perosa Argentina. Intanto, l’Italia perde l’altra sua protagonista: esce infatti negli ottavi il Gaglianico dopo l’ottima prova in casa contro il Pula, cedendo nel confronto di ritorno per 9 a 13, al termine di una prova incolore e quindi arrendendosi pure di schianto gli spareggi (terminato con zero punti).