Il Canavese Volley di Ivrea chiude il 2018 da capolista il girone A della Serie D con 27 punti conquistati in 11 partite.

Canavese Volley

Una chiusura in bellezza per il Canavese Volley di Ivrea, che con un totale di 27 punti (conquistati in 11 gare disputate) termina il 2018 con la prima posizione nel girone A della serie D femminile. Un bell’incentivo per il proseguimento della stagione, dopo l’amarezza della retrocessione dalla B2, nella prima metà dell’anno, e la scelta di ripartire con un progetto del tutto nuovo. Progetto che Alberto Bossino spiega così: «Dopo cinque anni ad alti livelli, e l’aver sfiorato anche l’accesso alla B1, la fine di quello che si può considerare un ciclo importante ci ha portato a dare vita ad un’iniziativa diversa. E’ stato deciso di ripartire dalla serie D in modo da permettere al nostro gruppo di atlete, decisamente molto giovane, di crescere, fare esperienza e quindi gettare le basi per una maturazione complessiva che possa riportarci, nei prossimi anni, nuovamente a livelli di tutto rispetto».

Un futuro tutto da scrivere

Le ragazze che compongono il gruppo affidato a coach Gabriel Polesel hanno dimostrato già in questa prima parte di campionato di avere le carte in regola per puntare ai vertici: «L’obiettivo con il quale siamo partiti – dice ancora Bossino – è di far fare esperienza alle nostre giocatrici, lavorando inoltre su tutto il settore giovanile, che è un nostro fiore all’occhiello. Diciamo che non ci siamo posti dei traguardi precisi di posizione in classifica, anche se come si suol dire l’appetito vien mangiando, quindi se avremo la possibilità di giocarci sino in fondo le nostre chances lo faremo». Insomma, a ben guardare questo 2018 ormai tramontato è stato utile al Canavese Volley per dare un «rinfrescata» generale, partendo però da quella che è una base solida.

Leggi anche:  Giulia Sartoris trionfa e regala il titolo al Centro Karate

Cambiamenti e certezze

«I cambiamenti sono stati tanti, come ad esempio il mutamento a livello di presidenza, con Letizia Paonessa che adesso guida la nostra società. Senza dimenticare il nuovo logo, come le maglie rinnovate, con ogni ragazza che avrà il suo numero personale. Ma allo stesso tempo possiamo contare su delle certezze. Come ad esempio il calore del nostro pubblico, che continua ancora oggi ad esserci vicino, partecipando con entusiasmo alle varie partite. L’Antonicelli, la nostra casa, è sempre un importante punto di riferimento per chi ama questo sport e noi ne siamo felici. Guardiamo al futuro con entusiasmo, perché quello che abbiamo raccolto sino ad oggi è la conferma che la strada intrapresa è quella giusta».