Motociclismo. Il 22enne William Pisano subito vincente. Il pilota altocanavesano sale sul gradino più alto del podio nella 125 SP Cup.

William Pisano

Alcuni anni fa il suo era uno dei nomi più interessanti del panorama giovanile piemontese. Poi, lo scontro con la dura realtà: quella di un mondo motociclistico dove senza budget di una certa rilevanza emergere diventa difficile. A volte, addirittura impossibile. Ma la passione, il «fuoco» hanno continuato a bruciare dentro al parscorsanese William Pisano, che dopo un 2018 dove è tornato a girare in pista con ottimi risultati, quest’anno è pronto nuovamente a dire la sua.

Gradino più alto del podio

«Tutto nel nome del divertimento e della passione – racconta il 22enne altocanavesano – Un anno fa, a marzo, quasi per scherzo ho ripreso a correre. L’inizio è stato un po’ in salita, nella «125 SP Cup» (una delle varie «costole» del «Trofeo Moto Estate»), ma il finale è andato in crescendo». William Pisano si è piazzato secondo nella classifica di categoria ed ha conquistato anche la vittoria nella corsa di epilogo, a Varano. Nel 2019, seguito dal Team Moto Performance di Cafasse, ha ricominciato da dove aveva concluso. Ovvero salendo sul gradino più alto del podio nella gara di apertura della nuova stagione, disputata sul circuito di Franciacorta.

Leggi anche:  Anche in Olanda la Rem Bu Kan ha fatto grandi cose

Gara tutta in salita

«E’ stata un’esperienza tutta in salita – spiega Willia, Pisano – perché abbiamo corso sotto la pioggia, con pista molto bagnata. Infatti, al primo giro sono andato lungo, dopo aver fatto la pole position, e sono stato costretto a recuperare». Una rimonta straordinaria: «A due giri dalla fine ho riagganciato il leader della categoria 125, quindi sono riuscito a superarlo ed a vincere. Una bella soddisfazione, visto che è stata una gara davvero tesa». Ora il prossimo appuntamento è per il 19 maggio, a Varano: «Ci tengo a ringraziare il Club Centauro Forno, Alessandro Boldini e l’Hotel Degra di Salassa per il sostegno che mi stanno dando e la fiducia che hanno riposto in me».