Simone Avondetto (Silmax) terzo tra gli italiani in Germania nella gara che ha inaugurato l’edizione 2019 della UCI World Cup XCO.

Simone Avondetto (Silmax)

Ancora una volta la Silmax Leini si affida ad uno dei suo atleti di primo piano per salire agli onori della cronaca sportiva sia a livello nazionale che internazionale. Simone Avondetto, che continua a regalare dei bei riscontri al team guidato dal presidente Giuseppe Giordano, si è messo in luce in Germania, in occasione della tappa della Coppa del Mondo di mountain bike che si è tenuta ad Albstadt. Nella gara che ha inaugurato l’edizione 2019 della UCI World Cup XCO, il nostro è risultato (primo anno tra gli Under 23) al 32° posto nella classifica generale, risultando il terzo migliore atleta tra gli italiani in gara.

La gara

Un avvio nelle retrovie non ha impedito a Simone di esprimersi al meglio, rimontando posizioni su posizioni e completando i 7 giri a ridosso della «top 30» . Un bel risultato, che segue un’altra prestazione di tutto rispetto da parte del portacolori della compagine canavesana. Infatti, in precedenza sulle colline del Roero, in occasione della terza prova della «XC Piemonte Cup», valida come prova unica di Campionato Regionale Piemontese XC per le categorie agonistiche FCI, l’Under 23 del Leini ha conquistato il titolo, per altro facendo pure registrare il miglior crono assoluto sui 5 giri della competizione.

Leggi anche:  Un oro, tre argenti e tre bronzi a Novara per gli spadisti del circolo Delfino

Una stagione da protagonista

Insomma, un ulteriore meritato sigillo per Simone, che sta vivendo un’altra stagione da protagonista in questa disciplina, facendo molto bene anche nelle Internazionali d’Italia Series, dove continua ad essere tra i migliori della sua categoria. Sempre nella gara cuneese nelle file dei Master 5 la medaglia di bronzo conseguita da Marco Martini.

Il team

Dando uno sguardo alle altre importanti manifestazioni dell’ultimo periodo, da segnalare la presenza all’Isola d’Elba del club nostrano. Sono stati Giuseppe Lamastra e Matias Armando a presentarsi al via della «Capoliveri Legend Cup X Anniversary». Tanto il rammarico per il team subalpino, per colpa della sfortuna che ha accompagnato i nostri. Molta delusione per l’argentino, andato in crisi nel finale e classificatosi solo al 54° posto. Lamastra, invece, dopo una buona partenza ha accusato un problema alla ruota, che lo ha costretto prima a rallentare e poi ad abbandonare la gara anzitempo.