Vietti sul podio a Jerez: Celestino conquista un fantastico terzo posto nella prima gara europea di questo Mondiale.

Quanti sorpassi!

Vietti sul podio. Dopo una gara molto combattuta, Celestino conquista il primo podio della stagione, il 40° nella storia dello Sky Racing Team VR46 tra Moto2 e Moto3. Solo Sedicesimo il compagno di squadra Dennis Foggia.

La gara nel circuito di Jerez de la Frontera si chiude con il primo podio della stagione 2019, il 40esimo nella storia del Team, il GP di Spagna per lo Sky Racing Team VR46. Una gara dai tantissimi sorpassi e Celestino Vietti Ramus che conquista il terzo posto, confermando il posto nella griglia di partenza dopo le ottime qualifiche di ieri.

Vittoria sfiorata

Dopo la prima fila di ieri, Celestino è stato protagonista di un ottimo via riuscendo a prendere subito la testa della corsa. In difficoltà a metà gara per il calo della gomma posteriore, ha evitato per pochi metri il contatto con la moto di Marcos Ramirez caduto proprio davanti a lui a pochi giri dalla bandiera a scacchi. Ripreso il ritmo dei più forti, ha risalito la classifica fino al primo posto e dopo un ultimo giro al cardiopalmo ha tagliato il traguardo in terza posizione. Con i punti di oggi, è primo tra i rookie (36 punti ndr) e sesto complessivo.

Leggi anche:  Il cuorgnatese Alessandro Vicari campione europeo di equitazione all'americana

Il resto del team

Sedicesima piazza per Dennis Foggia che partiva dalla quinta casella della griglia. Nel gruppo di testa per tutta la gara con lo stesso passo dei primissimi, è stato penalizzato in gara con un long lap per aver oltrepassato i limiti della pista e successivamente con una retrocessione di tre secondi per lo stesso motivo.

Una gara bellissima

“Sono contento: una bellissima gara con tanti sorpassi!”. Così, Celestino ha commentato a fine gara. “Sono partito bene, ho cercato di spingere i primi giri e prendere un po’ di vantaggio. Poi a metà gara ho fatto fatica con la gomma dietro, ma ho tenuto duro e ho risalito la classifica. Quando ho visto cadere Ramirez davanti a me ho avuto paura, ma ho cercato di evitare la sua moto e rimanere concentrato. L’ultimo giro ci ho provato, ero secondo, ma Suzuki mi ha fregato! Non importa, un gran risultato per me e tutto il Team. Stiamo facendo un ottimo lavoro”.